chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !
REVIEW
Registrati
Reviews
Forum

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Il tethering: che cos'è, a cosa serve e come realizzarlo su Android

Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

tethering

Basta un cellulare ed un software apposito per connettere il nostro PC ad internet sfruttando la connessione dati della SIM. Questa procedura, solitamente di facile realizzazione, prende il nome di tethering ed è ottimamente supportata da Android. Ecco maggiori dettagli.

Internet in vacanza è una realtà comune a molti turisti estivi. Persino le pubblicità televisive cercano di persuaderci con belle ragazze intente ad utilizzare il proprio PC su un'amaca vista mare.

Una casa al mare o una tenda in camping cambia poco: avere il cavo ethernet a portata di mano e una connessione ADSL che aspetta solo di scambiare pacchetti IP con il nostro netbook è una chimera.

Come ovviare al problema? Iniziamo a guardarci intorno: solitamente i gadget tecnologici che ci accompagnano durante le trasferte più o meno lunghe sono, fotovideocamera a parte, essenzialmente due: il computer portatile (più o meno compatto) ed il telefono cellulare.

Se possediamo uno smartphone piuttosto recente, quasi certamente abbiamo attivato un piano tariffario internet ad hoc con il nostro operatore telefonico e sulla nostra SIM. Insomma, ci è possibile navigare dal cellulare ma non dal computer. E, ovviamente, si tratta di due esperienze di navigazione completamente differenti: la prima è solitamente molto scomoda poichè le limitatezze del nostro cellulare si fanno sentire non appena vogliamo digitare a lungo oppure esplorare diverse pagine web. Per non parlare dell'uso di programmi che fanno uso della rete internet, disponibili -spesso e volentieri- solo per PC.

Abbiamo un cellulare con connessione web (l'importante che non sia WAP) ed un computer. Apparentemente c'è tutto; a questi ingredienti manca però un tocco di classe: le potenzialità del nostro cellulare.

Lasciando perdere per un attimo iPhone (quando Apple si degnerà di considerare l'opportunità di far recensire i suoi prodotti per il web potrò eventualmente riparlarvene), c'è un'altra speranza che può farci navigare dal PC e senza ADSL: un sistema operativo Google Android che equipaggia il nostro smartphone.

Riassumendo, avendo a disposizione un telefono cellulare con il sistema operativo Google, una connessione dati attiva (fortemente consigliata una flat!) ed un computer portatile, potremo navigare comodamente con quest'ultimo... sfruttando il cellulare!

android tethering

E' proprio questa una prima definizione grossolana di tethering: si tratta di un metodo, disponibile ad esempio su Apple iOS e Google Android, che consente di connettere un computer ad internet sfruttando, come modem/router, il nostro telefono cellulare che metterà a disposizione la connessione al WWW (a patto di avere un abbonamento dati su SIM).

Come realizzarlo? Se siamo tra i fortunati utilizzatori di Android 2.2 abbiamo già a disposizione un applicativo preinstallato nel nostro terminale. In caso contrario, sull'Android Market possiamo trovare diverse soluzioni software che trasformano il cellulare in un access point che fa da tramite per la connessione del nostro PC al web.

Esistono diverse modalità di connessione computer --> smartphone. La più pratica ed elegante è quella WiFi, che simula a tutti gli effetti il funzionamento del modem/router domestico. E' tuttavia possibile, a seconda del software di tethering utilizzato, sfruttare altri protocolli tra cui il Bluetooth oppure l'USB 2.0.

Gran parte dei programmi da utilizzare per fare tethering richiede l'accesso ai privilegi di root del nostro Googlefonino. In tal caso, è necessario aver realizzato a priori il root del nostro terminale.

Basta connettersi all'Android Market per scaricare uno di questi software. Tra essi, vi cito ad esempio Wifi Tether, PDA Net ed EasyTether. Il penultimo richiete una connessione USB oppure Bluetooth, mentre EasyTether implica l'installazione di software aggiuntivo sul PC che desideriamo associare via tethering. Un'altra soluzione è Barnacle; in ogni caso, conviene spulciare i feedback, per ciascun applicativo, da parte degli utenti che lo hanno scaricato e utilizzato, nonchè valutare altri parametri tra cui: eventuale costo d'acquisto, presenza o meno di banner pubblicitari, costanza da parte dello sviluppatore nel fornire patch e aggiornamenti del software.

Buona estate e buon tethering a tutti con Android!

wifi tethering

Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: