chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !
REVIEW
Registrati
Reviews
Forum

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Google PageRank: InformaticaEasy sale a quota 4 e vi spiega cos'è...

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Google PageRank

InformaticaEasy è lieta di annunciarvi di aver raggiunto PageRank 4. Non credo ci sia occasione migliore per affrontare uno degli argomenti più cocenti per qualunque webmaster: il potente algoritmo utilizzato da Google per valutare le pagine di un sito web.
InformaticaEasy.net nasce ufficialmente i primi dello scorso Giugno 2008. Sin da allora, districandosi nell'oramai iperinflazionato mondo del web e in particolare dei portali di informatica, ha riscosso piccoli e grandi successi. L'ultimo riguarda la salita del PageRank a valore 4.

La graduale crescita di un sito web è certamente aiutata da Google ed in generale dai motori di ricerca, che forniscono al webnauta lo spunto principale per raggiungere siti di cui prima non era a conoscenza. Il tutto semplicemente digitando parole chiave inerenti a ciò che ci interessa trovare sul web.

Ben conosciamo l'enormità di siti web: è dunque facile comprendere perchè utilizzando Google otteniamo spesso decine di migliaia (se non milioni) di risultati relativi ad una o più keyword. Per questo modo si rende necessaria una visualizzazione dei risultati in maniera gerarchica, basata su un "metodo di visualizzazione" dei risultati rispondenti al termine ricercato secondo determinati criteri.

Un primo criterio che potremmo ipotizzare è quello di dare la priorità (quindi maggior visibilità) ai siti più popolari che offrano contenuti validi, aggiornati e soprattutto di qualità. Ma come giudicare questi parametri di un sito web? Come essere imparziali nel dare un giudizio?

Poichè l'essere umano è difficilmente imparziale, è bene affidare il compito ad un "freddo" calcolatore, in cui inserire un algoritmo che consenta di stabilire una sorta di graduatoria tra i siti web reperibili online.

E' ciò che ha fatto Google, creando il cosiddetto PageRank. E' stato essenzialmente questo potente algoritmo, ideato dai creatori di Google (e poi perfezionato) a fare la reale fortuna dell'odierno colosso dei motori di ricerca: il PageRank consente infatti di stabilire, tramite procedure più o meno complesse (ma sempre e comunque imparziali) la popolarità di un sito.

In parole povere, il PageRank è un numero compreso tra 0 e 10 (estremi inclusi) che Google attribuisce ad un sito web (o per essere più corretti ad ogni pagina di ogni sito web) in base alla sua popolarità. A valore più elevato corrisponde una valutazione maggiormente positiva di un sito web. Secondo molti, un sito è da ritenersi ottimale a partire da un PageRank pari almeno a 3.

E' essenzialmente grazie al PageRank che Google è in grado di stabilire una gerarchia nel mostrare i risultati relativi ad un termine di ricerca, dando la priorità di visualizzazione a siti con ranking maggiore. Priorità è anche sinonimo di visibilità: quasi sempre ci si ferma infatti a visualizzare la prima pagina di un risultato di ricerca, senza consultare quelle successive. Inoltre, all'interno di una stessa pagina, spesso si focalizza l'attenzione sui primissimi risultati, quelli cioè immediatamente visibili ed individuabili. Un sito con PageRank maggiore è quindi maggiormente visibile ed ha maggiori possibilità di essere visitato dal "google searcher".

Contrariamente a quanto molti pensano, il PR (abbreviazione di PageRank) NON dipende assolutamente dal numero di visitatori (giornalieri, mensili o annuali) di un sito web: il sistema di punteggi adottato da Google si basa a tutti gli effetti sulla popolarità di un sito web, che non indica il numero di visite.

Così come una persona (spesso) diviene popolare quando diversi individui ne parlano, citandola nei loro discorsi, un sito web diviene popolare più o meno allo stesso modo. Prendiamo in considerazione il sito A: se diversi siti includono un link al sito A (ovvero il sito A ha diversi backlink su altri siti)  allora tale sito sarà sicuramente popolare.

Il grado di popolarità è però definito da diversi fattori; quelli essenziali sono il numero di backlink e la popolarità del sito che "offre" il backlink. Sulla base di questi due fattori possiamo facilmente che un sito citato da soli 10 siti molto importanti avrà popolarità maggiore di un sito i cui backlink sono presenti su 100 siti molto meno importanti. Ovviamente il rapporto 1:10 è puramente indicativo ed è stato menzionato solamente a titolo di esempio.

Parlando di PageRank e semplificando al massimo il suo meccanismo di funzionamento (raggiungendo quindi un livello di astrazione parecchio elevato), si usa citare questo schema:

Google PageRank

Ogni sito è identificato da una smile; a "pallina" più grande corrisponde PR maggiore. Diamo un'occhiata alla smile gialla: ha il più elevato PR in quanto è citato (puntato dal dito, rifacendoci all'illustrazione) da moltissimi siti. La smile rossa superiore, sebbene sia citata solamente da un 'altra smile, ha un PR ottimale, quasi alla pari di quello detenuto dalla smile blu. Perchè questo? Proprio per il discorso accennato prima: il sito giallo è molto popolare e quindi conta tanto quanto innumerevoli siti con popolarità infima. 

L'esempio mostrato di seguito riprende il confronto introducendo stavolta numeri reali che rispecchiano appieno il PR: da notare i siti con valutazione 8/10, indicati sia da siti abbastanza popolari che da siti meno popolari. 

Google PageRank

Come analizzare il PR di un sito? Possiamo affidarci a del codice PHP offerto da diversi servizi online, ad apposite toolbar da installare nel browser oppure sfruttare l'utilissimo sito GoogleParameters, che consente di visualizzare istantaneamente il punteggio di un sito web oltre ai suoi backlink ed al numero di pagine indicizzate su Google.

Non dimentichiamo infine che incide sul PageRank o comunque sui metodi di valutazione di un sito web da parte di Google altri fattori più o meno secondari, tra cui la frequenza con la quale sono inseriti nuovi contenuti e l'originalità degli articoili (evitiamo colossali copia-incolla!).

Commenti (4)add comment
151
DarthFeder: ...
Questo meccanismo non lo conoscevo...
Complimenti per il nuovo traguardo raggiunto!
1

aprile 06, 2009
62
admin: ...
Grazie!! smilies/cheesy.gif
2

aprile 06, 2009
0
isaac: ...
Complimenti davvero.. ottimo lavoro
3

aprile 08, 2009
62
admin: ...
Un sentito grazie anche a te! smilies/smiley.gif
4

aprile 10, 2009

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: