chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!




Visits counters

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi2772
mod_vvisit_counterIeri3300
mod_vvisit_counterQuesta settimana16457
mod_vvisit_counterScorsa settimana15808
mod_vvisit_counterQuesto mese48231
mod_vvisit_counterScorso mese86324
mod_vvisit_counterGlobali5973443

Siti Amici

Service Pack 1 per Windows 7: via libera alla RTM di un pacchetto di minor update

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Windows_7_SP1

Brandon LeBlanc, che tra l'altro è un autorevole blogger del WindowsTeamBlog.com, il "diario virtuale" ufficiale di Microsoft, ha fornito informazioni certe circa il rilascio della SP1 per Windows 7 e Windows Server 2008 R2. Nulla di eclatante per gli update inclusi, ecco perchè.

Probabilmente leggendo il titolo di questa news vi starete già chiedendo quanto sia davvero necessaria una Service Pack per Windows 7. Negli anni, infatti, Microsoft ci ha fatto abituare all'idea che un "pacchetto di servizio", per tradurla pressochè alla lettera in italiano, debba essere inteso come una mole di byte di codice atta a correggere importanti falle di sistema e, spesso, ad applicare piccole rivoluzioni al sistema operativo corrente cui si applica fornendolo di nuovi componenti software e, in generale, di novità applicative più o meno utili e interessanti. Ecco perchè una SP per XP o Vista poteva arrivare ad occupare diverse centinaia di MegaByte.

Ma torniamo alla domanda di apertura di questo articolo: Windows 7 necessita davvero di una SP? Effettivamente la domanda è legittima, dato che non solo l'end-user ma anche la stessa Microsoft hanno entrambi affermato all'unisono che l'ultimo OS di Redmond è caratterizzato da leggerezza, stabilità operativa, sicurezza e dotazione di funzionalità quasi totalmente ineccepibili sin dalla RTM. Senza alcun Service Pack successivo, in altre parole.

Ecco quindi che inizia a condensarsi l'idea secondo cui dobbiamo iniziare a pensare alle Service Pack non più come importanti aggiornamenti da installare immediatamente per correggere problemi profondi di sistema o migliorarne prestazioni e funzionalità. Dobbiamo iniziare a credere, più che legittimamente, che si tratti quasi esclusivamente di tutti gli aggiornamenti che abbiamo scaricato da Windows Update fino ad oggi offerti, per comodità, su un CD recante la scritta "Windows 7 Service Pack 1". Che conterrà, ovviamente, bugfix collaterali. Ma soltanto bigiotteria, nulla di estremamente vitale.

Windows_7_SP1

E' sicuramente un gran risultato, da parte di una softwarehouse, potersi vantare (giustamente) di un sistema operativo a tal punto da permettersi di dimostrare ai suoi utenti che il suo prodotto è stabile al punto che gli aggiornamenti di sicurezza / correzione bachi non rappresentino più una imminente necessità. Anche in questo aspetto, dunque, radicale cambio di rotta rispetto a Windows Vista.

E' bene precisare che questa Service Pack 1, è stato appena annunciato per vie ufficiali, ha raggiunto lo stadio finale di RTM (Release To manufacturing) e si applica sia a Windows 7 che a Windows Server 2008 R2. Già resa disponibile ai partner OEM di Microsoft, il pacchetto di aggiornamenti sarà disponibile per entrambi i sistemi operativi a partire dal 16 Febbraio per gli utenti MSDN e TechNet così come per i clienti Volume License. Sei giorni dopo, ovvero dal 22 Febbraio, la disponibilità anche su Windows Update e Microsoft Download Center.

Per Windows 7, come annunciato da LeBlanc, la SP1 offrirà diversi aggiornamenti, molti dei quali sono già stati precedentemente resi disponibili attraverso Windows Update. Due le peculiarità più importanti del pacchetto che riguarderanno tuttavia solamente Windows Server 2008 R2: RemoteFX e Dynamic Memory, le due feature di virtualizzazione che si andranno ad integrare in tale "versione server".

Insomma, nessun problema con o senza Service Pack 1: potrebbe tornarvi maggiormente utile nel caso in cui formattiate e non vogliate scaricare nuovamente da Windows Update gli svariati aggiornamenti finora rilasciati per Windows 7.

Concludo evidenziando come Microsoft abbia mantenuto consistenza di informazione e disambiguità circa le informazioni inerenti tale Service Pack rispetto a quanto già trapelato con largo anticipo lo scorso Marzo 2010, di cui InformaticaEasy.net vi offrì una news a QUESTO link che invito a leggere.

Windows 7 SP1

Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: