chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!




Visits counters

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi1657
mod_vvisit_counterIeri2366
mod_vvisit_counterQuesta settimana5987
mod_vvisit_counterScorsa settimana19802
mod_vvisit_counterQuesto mese72874
mod_vvisit_counterScorso mese80257
mod_vvisit_counterGlobali5911762

Siti Amici

Arctic Cooling Accelero Xtreme Plus: silenziosamente efficace. Test su GTX465

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Indice
Arctic Cooling Accelero Xtreme Plus: silenziosamente efficace. Test su GTX465
1) Introduzione; confezione e contenuto
2) Il dissipatore AC Accelero Xtreme Plus da vicino
3) Caratteristiche tecniche principali
4) Procedura di installazione
5) Test condotti e risultati ottenuti
6) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

Arctic Cooling Accelero Xtreme Plus

Imponente e mastodontico, questo gigante silenzioso rientra in ciò che al momento il mercato dell'air cooling ha da offrire. Arctic Cooling dimostra ancora una volta il suo primato offrendo una nuova revision del premiato Accelero: stavolta parliamo dell'Xtreme Plus; eccolo per voi.


Accelero Xtreme Plus è un nuovo dissipatore proposto da Arctic Cooling in abbinamento alle più "focose" schede video attualmente disponibili sul mercato dell'informatica. Si tratta, nello specifico, di una potenziata soluzione di dissipazione ad aria derivante dal primo modello Accelero, adatto a schede video di fascia medio-alta dell'epoca. Oltre a buone prestazioni, Accelero è stato da sempre sinonimo di silenziosità operativa; come se ciò non bastasse, la pratica di abbinarlo a soluzioni di fascia bassa ed utilizzarlo in configurazione fan-less è stata abbastanza diffusa.

Una delle insicurezze che personalmente ho riposto in alcune delle soluzioni dissipative Arctic Cooling riguardava la fragilità del sistema di ritenzione: staffe metalliche facilmente flessibili oltre una certa soglia con potenziali problemi relativi ad una robusta tenuta del dissipatore. Ciò può sfociare in un duplice problema: scarsa pressione di contatto e, nel caso di dissipatori piuttosto pesanti e gravosi per il PCB, rotazioni rispetto all'asse di installazione.

Probabilmente più che un sentore questo aspetto ha rappresentato una realtà per Arctic, che ha lavorato per la messa a punto di alcuni dei suoi prodotti: primariamente offrendo revision aggiornate con staffe di installazione potenziate; in secondo luogo dando vita a prodotti completamente nuovi muniti addirittura di diversi set di "retention bracket" a seconda dello specifico socket di abbinamento.

Una certa estremizzazione del sistema di ritenzione che ha introdotto un fattore di attenzione maggiore nell'acquisto di nuovi prodotti Arctic Cooling: in alcuni casi, è infatti necessario acquistare il dissipatore ed anche un accessorio contenente lo specifico sistema di ritenzione per il socket (della VGA) in nostro possesso.

 

E' questo il caso dell'Arctic Cooling Accelero Xtreme, che recensisco per voi in questo articolo. Procediamo per gradi e iniziamo, come di consueto, con rapidi cenni sulla confezione del prodotto. E' in classico stile Arctic Cooling; niente cartone ma soltanto plastica trasparente modellata ad-hoc per poter contenere il dissipatore. L'aspetto di compatibilità estesa a diversi prodotti è stato esaltato con uno sticker che, al contempo, informa circa le performance di dissipazione e la bassa rumorosità durante l'utilizzo.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Posteriormente, la confezione reca le principali caratteristiche tecniche del prodotto, una sintetica panoramica sulle funzionalità offerte e -importantissimo- una schemattizzazione dei kit di compatibilità da acquistare separatamente in funzione della scheda video in nostro possesso.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Cosa troviamo nella confezione di vendita? Oltre al dissipatore, con una staffa di default preinstallata (che andrà rimossa nell'utilizzo in accoppiata con la SPECIFICA staffa e controstaffa di cui sopra), abbiamo a disposizione un manuale di installazione, un adattatore 3pin-->molex per regolare l'alimentazione e di conseguenza la velocità di rotazione delle ventole del prodotto, un bracket PCI forellato e una bustina contenente viti e gommini per l'installazione del prodotto.

Il "tachimetro" incluso (passatemi questo termine piuttosto volgare per l'ambito in cui è utilizzato) è un'alternativa all'installazione più pratica: sebbene sia normalmente sufficiente inserire il connettore di alimentazione delle tre ventole del dissipatore direttamente nell'apposita sede presente sul PCB della scheda video, spesso andremo incontro ad alcune difficoltà; due, soprattutto. La prima, riguarda la potenziale incompatibilità tra connettore e alloggiamento. La seconda, una scarsa alimentazione fornita, il che si traduce in un regime di rotazione delle ventole piuttosto basso; anche il caso opposto è possibile. Per renderci dunque indipendenti da questo fattore, possiamo dimenticarci il PCB della scheda video e fare affidamento sull'alimentatore del nostro PC usando il connettore molex incluso e scegliendo tra un'alimentazione di 7V oppure 12V, a seconda se privilegiamo, rispettivamente, silenziosità oppure massime prestazioni.

Un cenno ulteriore di menzione merita anche la staffa PCI: va installata in sostituzione a quella di default presente nel nostro case, in corrispondenza del bracket subito al di sotto di quello utilizzato dalla scheda video. Ciò permette di creare una ulteriore finestrella per il passaggio d'aria tra dissipatore e parte posteriore del case, per incrementare ulteriormente il potenziale dissipativo.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus


Adesso una rapida carrelata fotografica che immortala l'Arctic Cooling Accelero Xtreme Plus da diverse angolazioni; specialmente quelle a partire dalle quali è possibile comprendere alcuni degli aspetti chiave di funzionamento del prodotto.

Una foto frontale permette di renderci conto del numero di ventole a disposizione: ne abbiamo ben 3, ciascuna da 92mm di diametro, tutte firmate AC. Caratterizzate da una elevata silenziosità di utilizzo, creano nel complesso un elevato flusso d'aria potendo contare, ognuna, su ben 11 pale opportunamente conformate.

La particolare conformazione della cover nera frontale permette di sopperire al "vuoto dissipativo" in prossimità degli spazi tra le ventole, fungendo da camera di reindirizzamento dei flussi d'aria per una maggiore stabilizzazione e diffusione omogenea degli stessi.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

In questa seconda immagine voglio portare alla vostra attenzione una delle peculiarità più caratterizzanti del prodotto. Se l'aspetto frontale lascia sorpresi, quello posteriore probabilmente lascia perlomeno stupiti. Vi aspettavate un sistema di smaltimento del calore così imponente e ben organizzato? Se pensate che tutto ciò sia esagerato, fate mente locale e pensate ad una scheda video Nvidia Fermi a pieno regime di utilizzo e forse cambierete idea. A meno che non utilizziate una VGA per cucinare uova al tegamino (su YouTube qualcuno ci ha addirittura provato).

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

A contatto con la GPU una base completamente in rame, con pasta termica, rigorosamente by Arctic Cooling, già preapplicata. Dovremo dunque maneggiare con cura il dissipatore fino alla sua installazione finale, evitando che la pasta termica entri in contatto con le nostre dita, con altre superfici o semplicemente con eccessiva polvere.

 

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Dalla base in rame si diramano cinque heatpipe da entrambi i lati; sono uniche ed attraversano parallelamente in largo il dissipatore per la sua intera lunghezza. Se notiamo attentamente l'immagine sottostante, potremo notare che base e tubi di calore in rame non sono tutto. Oltre ad esse e alle consuete innumerevoli lamine dissipanti in alluminio, l'efficacia di smaltimento del calore è in parte dovuta ad un ulteriore blocco, del tutto in alluminio, connesso alla base in rame.

Si tratta di una struttura a sezione trapezoidale regolare; un monoblocco in alluminio lavorato dalle superfici piuttosto spesse. Un primo approccio di smaltimento immediato del calore a partire dalla base, contemporaneamente al lavoro di allontanamento del calore a carico delle heatpipe. Una seconda funzionalità di questo blocco è quella di irrigidimento della struttura, che in caso contrario risulterebbe instabile a causa delle dimensioni complessivamente imponenti dell'intero dissipatore.

 

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Due viti fissano alla base del dissipatore la staffa quadrata di alluminio che funge da sistema di ritenzione: reca infatti quattro dadi sporgenti in corrispondenza dei fori del PCB della scheda video; le viti completano l'opera di ancoraggio. Il problema è che la staffa inclusa è quasi sempre incompatibile con i fori del socket della nostra scheda; per questo il kit di installazione ausiliario, come già vi accennavo prima, è d'obbligo.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

La base a contatto con la GPU ha dimensioni adeguate, è spessa quanto basta ad inglobare le heatpipe e non è lappata a specchio. Un lavoro di lappatura manuale aftermarket risulterebbe piuttosto scomodo da realizzare; in ogni caso la base appare ottimamente rettificata e ciò sarà ampiamente sufficiente a favorire le massime prestazioni termiche garantibili dal prodotto. Al massimo, se vogliamo, possiamo rimpiazzare la pasta termica preapplicata con dell'altra, magari direttamente spalmata sulla GPU (come di solito è consigliabile fare).

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

L'enorme superficie dissipante è apprezzabile nello scatto fotografico seguente: sono circa 90 le lamelle in alluminio affiancate tra loro ad una distanza di un millimetro in una matrice retta dalle heatpipe. A differenza di altri heatsink producer, Arctic non realizza una saldatura ma si limita ad un contatto tra il bordo di ogni foro delle lamine (opportunamente ripiegato verso l'esterno) e le heatpipe. Il tutto, ovviamente, incastrato a dovere. Ora forse riusciamo a contestualizzare maggiormente, con maggior cognizione di causa, l'impiego delle tre ventole...

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Non solo lungo e largo, ma anche spesso. Sicuramente più di qualunque dissipatore reference in dotazione ad una scheda video. Abbondanti 5,5 centimetri in tutto. Assicuriamoci dunque che attorno alla scheda video nel nostro case ci sia sufficiente spazio: più dello spessore richiesto dall'unità di dissipazione Arctic Cooling, in modo da non pregiudicare un flusso d'aria adeguato per far funzionare il dissipatore al massimo delle sue possibilità operative.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Il fatto che il dissipatore sia molto lungo non è soltanto una percezione; diventerà una certezza nel momento in cui lo installeremo. Il bordo destro, infatti, può arrivare a sporgere diversi centimetri dal profilo della scheda video. Ciò dipende ovviamente dalla VGA in nostro possesso.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Completiamo il quadro con una foto che inquadra l'unità dalla prospettiva opposta:

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Ancora un'immagine prima di passare alla pagina successiva. Probabilmente avrete già notato una conformazione piuttosto particolare delle heatpipe: sembra siano state dotate di questa forma non a caso. Ed è proprio così. Le quattro curvature servono infatti a creare maggior distacco tra il circuito stampato della scheda video (PCB) e il blocco di lamelle in alluminio. Il motivo è semplice: creare spazio a sufficienza per l'installazione dei dissipatorini accessori per VRAM e sezione di alimentazione. Componenti, questi, presenti soltanto nel kit di installazione accessorio. Delego alle pagine successive maggiori dettagli in merito...

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus


Arctic Cooling Accelero Xtreme Plus è un dissipatore ad aria per schede video dedicate. Un indice delle sue prestazioni è rappresentato dalle dimensioni, piuttosto imponenti: 29 centimetri di lunghezza, oltre 10 di altezza e quasi 6 di spessore. Oltre 600 grammi di peso, che andranno ovviamente sommati a quelli della scheda video, denudata del reference heatsink, su cui andremo ad installare il prodotto.

Il dissipatore è munito di tre ventole integrate prodotte dalla stessa Arctic Cooling, ciascuna da 92 mm di diametro ed alimentate da un unico cavo da connettere al PCB della VGA o direttamente all'alimentatore tramite adattatore incluso. Ogni ventola vanta un ampio range di RPM: da un minimo di 900 ad un valore picco di 2000. La regolazione avviene con tecnologia PWM, mentre il flusso d'aria massimo garantito è pari ad 81 CFM, che si traduce in 138 metri cubi per ora. La tecnologia utilizzata per il rotore è il Fluid Dynamic Bearing.

Un indice di misura molto valido che non sempre chi produce dissipatori rende noto è il potenziale massimo di dissipazione. Ovvero, il massimo numero di Watt che il prodotto è in grado di dissipare prima di raggiungere una fase limite di "collasso". Per l'Accelero Xtreme Plus questo valore massimo si attesta intorno ai 250 Watt.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

 

Restando nell'ambito delle prestazioni di dissipazione, Arctic ha offerto un confronto quantitativo prendendo come riferimento una ATI Radeon HD5870: rispetto al dissipatore preinstallato, la temperatura di funzionamento della GPU con l'Arctic Cooling si riduce di più di 35°C; anche la rumorosità viene annientata (i dBA dello stock cooler restano solo un ricordo, sfumato dai dBA dell'Accelero Xtreme Plus).

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

 

Procediamo con l'analisi di alcuni cenni sull'ìnstallazione del prodotto, prima di passare alla fase di test vero e proprio. Nel mio caso, la scheda video presa in considerazione sarà una concorrenziale Nvidia.


Il matrimonio tra l'Arctic Cooling Accelero Xtreme e la scheda video su cui installarlo è una cerimonia che richiede manualità e un po' di delicatezza. Dimentichiamoci i sistemi "push-and-fix": ci sarà infatti da lavorare con mano ferma e precisione.

La parte più semplice è quella conclusiva; parliamone adesso per toglierla di torno. Una volta preparato il PCB (di questo ne parleremo tra poche righe), è sufficiente appoggiare il dissipatore su un piano fermo, con le ventole rivolte verso la superficie d'appoggio e la base del dissipatore rivolta verso l'alto. A questo punto, basta adagiare il PCB della scheda video sull'Accelero Xtreme in modo da far combaciare la GPU con la base in rame e raggiungere la corrispondenza tra i quattro fori perimetrali del socket e quelli presenti sulla staffa in alluminio del dissipatore. Fatto ciò, le quattro viti (con rondelle isolanti) incluse completeranno l'opera di installazione.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

La procedura non è tutta rose e fiori: prima di raggiungere questo step finale (in cui ricordo l'assoluta indispensabile ovvia presenza di pasta termica e la precauzione di non stringere troppo le viti), c'è da lavorare non poco.

Avremo sicuramente avuto cura di acquistare l'accessorio "mounting kit" compatibile con la nostra scheda video, vero? Bene, fatto ciò, possiamo aprire lo scatolino in cartone contenente questi accessori e predisporre il tutto per l'installazione.

Si tratta di un insieme di dissipatori secondari e (in alcuni casi) staffa di installazione socket necessari per predisporre il PCB all'installazione finale del dissipatore "vero e proprio". E' necessario partire dal tune-up di questi elementi PRIMA di avvitare l'Accelero Xtreme Plus al PCB della scheda video.

Il seguente è un elenco dei kit disponibili a seconda della scheda video in nostro possesso:

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Per la mia Nvidia GeForce GTX 475 Arctic Cooling ha spedito un set VR003, tra l'alto compatibile pure con la GTX470. Il medesimo include una staffa di montaggio alternativa (che andrà sostituita a quella preinstallata di default sulla base in rame del dissipatore; ricordate?), un insieme di dissipatori in alluminio per le VRAM e la sezione di alimentazione VRM nonchè uno speciale adesivo termico per il fissaggio di questi ultimi.

E' bene precisare, ripetere e ricordare che ciascuno di questi kit va acquistato separatamente ed ha un prezzo di 6,95$ IVA inclusa.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Alcuni cenni pratici sull'installazione dei dissipatori secondari. Per le VRAM, è necessario considerare i 10 Heatsink a forma di cubo; ognuno di essi andrà fissato su ciascun chip di memoria. Nessun pad adesivo stavolta: dovremo usare un tubetto di "Thermal adhesive" liquido fornito in dotazione. Arctic sottolinea che questo materiale è molto particolare e va maneggiato con cura: è preferibile usarlo al massimo entro una settimana a partire dalla sua prima apertura. Con il caldo può solidificarsi; meglio lasciarlo in frigorifero.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Una goccia di "colla" per chip, quindi pressione per 10 secondi. Il dissipatore resterà incollato al chip di memoria e dopo un'ora il potere adesivo assicurerà la massima coesione. Per estrarre il collante termoadesivo dal suo tubetto potrebbe essere necessario l'utilizzo di una pinza. La delicatezza con cui trattare la "colla" fornita fa tornare in mente le precauzioni da adottare con le paste termiche costituite da metallo liquido...

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

La parte complicata è terminata: i VRM (regolatori di tensione) vengono tenuti termicamente a bada da un dissipatore in alluminio monoblocco, che va fissato utilizzando sia le viti fornite (che sfruttano i fori nei pressi dell'apertura del PCB in corrispondenza della "ex" ventola del dissipatore reference) sia dei pad termici (due) da applicare sui VRM:

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Ecco come apparirà il PCB ad installazione ultimata del dissipatore VRM:

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Lasciamo riposare per un'ora il PCB; a breve sarà pronto per accogliere l'Accelero Xtreme Plus. Pausa caffè nel frattempo?

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Se non abbiamo nulla da fare e di caffè ne abbiamo già presi abbastanza, possiamo ammazzare il tempo concludendo l'ultimo "minor step": la sostituzione del mounting plate del dissipatore con quello fornito nel kit accessorio. Ricordo che va dapprima smontato quello incluso nella confezione del dissipatore e quindi sostituito con quello personalizzato per la nostra scheda video, sfruttando sempre i medesimi fori presenti sulla base in rame dell'Arctic Cooling Accelero Xtreme Plus:

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus

Fatto ciò non resta che tornare ai primi capoversi di questa sezione dell'articolo inerente l'installazione del dissipatore: appoggiamo l'Accelero Xtreme Plus sul PCB ormai pronto ad accoglierlo e stringiamo le quattro viti attorno al socket GPU. Non dimentichiamoci di collegare le ventole ad una fonte di alimentazione, o PCB o alimentatore (in quest'ultimo caso tramite adattatore molex 4 pin fornito).

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus


L'installazione è terminata; ora il massiccio dissipatore, insieme alla VGA su cui è installato, può essere riposto sulla scheda madre per darci dimostrazione delle sue doti di smaltimento del calore.

Giungere a risultati sintetici è piuttosto immediato: non ho fatto altro che confrontare la temperatura di esercizio del chip grafico, la GPU Fermi GTX 465, raffrontando i valori di idle (fase di riposo) e di full load (stress intensivo) tra dissipatore reference Nvidia ed Accelero Xtreme Plus.

Il seguente grafico, di elementare interpretazione, fornisce una chiara spiegazione dei risultati: a fronte di una rumorosità più che drasticamente ridotta, infatti, i guadagni in termini di temperature operative sono notevoli. Come di solito accade con i prodotti di dissipazione ad aria, i benefici sono non tanto tangibili in idle quanto soprattutto in condizioni di pieno carico. E' in quest'ultimo caso che la scheda video tende a riscaldare tantissimo e a saturare lo scambio termico.

Arctic_Cooling_Accelero_Xtreme_Plus


A fronte di livelli di silenziosità assolutamente ineccepibili, il dissipatore ad aria Arctic Cooling Accelero Xtreme Plus si rivela il prodotto ideale per raffreddare prodotti.... che scottano: le schede video.

La sostituzione del dissipatore reference, normalmente impiegato dalla stragrande maggioranza di graphic card, è consigliabile perchè permette di migliorare di gran lunga lo smaltimento di calore dal chip grafico, memorie e VRM con diverse implicazioni positive: aumento della longevità del prodotto, miglior potenziale di overclock, abbattimento di una fonte principale di riscaldamento aggiuntivo all'interno del case (a patto di godere di un ricambio d'aria comunque adeguato), silenziosità.

Accelero Xtreme Plus nasce da generazioni di heatsink Arctic Cooling, tutti appartenenti alla famiglia Accelero. Ciò ha permesso all'Azienda di apportare continue migliorie al suo cavallo di battaglia adattandolo di continuo alle nuove soluzioni hardware GPU.

Notevoli gli abbattimenti di temperature rispetto agli stock heatsink (fino a 25°C in meno nel caso specifico dapprima testato); sottolineo nuovamente che questo grande pregio si unisce ad una silenziosità operativa a dir poco incredibile.

Ad un costo di 54,95 € IVA Inclusa, a cui vanno sommati i 6,95$ di kit aggiuntivo di installazione, l'Accelero Xtreme Plus è sicuramente una soluzione definitiva per l'ottimizzazione della dissipazione di una scheda video (più o meno) attuale. Le fasi di installazione del prodotto, nonostante richiedano una certa manualità, non sono complicatissime e tutte ben documentate nella manualistica inclusa; per questo motivo non penalizzano in alcun modo lo score complessivo che InformaticaEasy.net attribuisce all'Accelero Xtreme Plus: 5/5 stelle più che meritate.

 

award

Un ringraziamento speciale ad Arctic Cooling per aver fornito il sample oggetto di questa recensione.

Commenti (3)add comment
316
P€GGiO: ...
Il mio prossimo dissipatore! Grazie della recensione Paolo, smilies/wink.gifmi vedo costretto a sostituire il dissipatore stock della mia HD5870 in quanto la ventolina inizia a far rumori strani! credo stia cominciando a "sfasarsi" l' asse...mmahhsmilies/angry.gif
1

dicembre 06, 2010
0
mrzenith: ...
Le heatpipe sono 5, non 4 smilies/wink.gif
cmq bella rece, bel prodotto, ottimo soprattutto per quei case dove in effetti il ricambio d'aria c'è!
Sarebbe bello vederlo in opera con la scheda overcloccata!
Byez!..
2

dicembre 08, 2010
62
admin: ...
Ahi non so più contare! smilies/cheesy.gif Grazie per la segnalazione, fixed!

Paolo - Admin
3

dicembre 09, 2010

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: