chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!




Visits counters

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi2021
mod_vvisit_counterIeri2667
mod_vvisit_counterQuesta settimana14339
mod_vvisit_counterScorsa settimana16769
mod_vvisit_counterQuesto mese78433
mod_vvisit_counterScorso mese89882
mod_vvisit_counterGlobali5837064

Siti Amici

Kingston microSDHC 16GB Classe 10: un boost al nostro smartphone - 1) Introduzione e scenario di impiego

Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Indice
Kingston microSDHC 16GB Classe 10: un boost al nostro smartphone
1) Introduzione e scenario di impiego
2) Confezione e contenuto: la microSDHC Class10 da vicino
3) Qualche dettaglio tecnico in più
4) Test sul campo: raffronto con una microSD Class2
5) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

Non c'è nulla da fare: sono trascorsi pochi anni e già dobbiamo acquistare nuovi supporti di memorizzazione in cui salvare i nostri file. Non si sfugge allo scandire delle ore dell'orologio informatico, in cui ogni "tic-toc" comporta anche l'aumento della dimensione dei file da salvare.

Al giorno d'oggi, e a maggior ragione in un futuro già prossimo, abbiamo e avremo a che fare con file creati con programmi sempre più avanzati, capaci di memorizzare non più su memoria di massa il classico file di testo che tanto divertiva i programmatori C fino a qualche decennio fa.

A tale evoluzione se ne aggiunge un'altra, che in realtà potremmo ridefinire con il termine di necessità. Mi riferisco a quella di aver a disposizione un supporto di memorizzazione veloce nel ricevere i file da stoccare, in quanto molto spesso i software presenti in diversi dispositivi portatili (non solo PC!) necessitano di scrivere o leggere diversi file in maniera rapida.

Infine, un ultimo parametro che non va mai dimenticato: la portabilità. Ormai hard disk esterni grandi e rumorosi con alimentazione a 220V tramite tasformatore non esistono più, i grossi drive sono destinati ad essere impiegati come supporti di backup in un mobiletto fisso e non trasportabile.

L'utente comune, insomma, oggi necessita di microdispositivi trasportabili, compatti nelle dimensioni, facilmente plug-and-play, capienti e veloci.

Se da un lato la diffusione di memorie NAND Flash e del protocollo USB ha portato ad un netto incremento di ricerca e vendita di pendrive, l'emersione decisamente brusca delle più innovative tecnologie che investono smartphone e fotocamere professionali ha dato un notevole impulso allo sviluppo di supporti di memorizzazione piccoli, veloci e capaci.

Per evitare di restare sul vago e apportare un esempio concreto, consideriamo un moderno smartphone, che ormai fa della telefonata soltanto un accessorio quasi antico e superfluo. I moderni telefoni cellulari sono in grado, oramai di scattare foto a risoluzioni molto elevate (basti pensare non solo ai più diffusi 5 Megapixel, ma anche agli 8 e addirittura ai 12); per giunta, spesso l'utente richiede il multiscatto. Senza dimenticare la possibilità, con i medesimi apparati, di registrare flussi video (addirittura) in alta definizione (720p).

Ecco che lo scenario si fa più concreto, ed una soluzione sempre più pressante. A patto di spendere qualcosa in più rispetto alle convenzionali schede di memoria (chi acquista questi device non credo se ne farà problemi!) esistono soluzioni che possono venirci incontro non poco.

La parolina magica è una, e si chiama Classe. Con questo termine, utilizzato all'inglese Class e sempre affiancato da un numero intero variabile tra 1 e 10, si identifica la velocità minima assicurata da una scheda di memoria durante il suo funzionamento.

Tale numero è da intendersi in termini di MegaByte al secondo letti o scritti. Solitamente, questo valore è maggiormente significativo per la velocità in scrittura, spesso decisamente penalizzata rispetto a quella in lettura. Lo vedremo a breve.

E' ovvio che per puntare al top ed evitare gli inconvenienti di cui sopra conviene puntare a classi più elevate, destinate alla nicchia e spesso offerte in tagli di bassa capienza. A ciò c'è da aggiungere non solo il prezzo di acquisto, ma anche e soprattutto la reperibilità, al momento alquanto scarsa.

Per darvi un'idea di cosa queste schede di memoria microSDHC (ormai avete capito di cosa parliamo) offrono, oggi analizzeremo una soluzione Classe 10, capiente e dal costo bilanciato in relazione alle prestazioni offerte. microSDHC perchè è ad High Capacity: si tratta infatti della unità Kingston microSDHC 16GB Class10, messa gentilmente a disposizione da Kingston per questa recensione.

Kingston microSDHC 16GB Class 10




Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: