Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Motorola Milestone: una pietra miliare rivestita di Android multitouch
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Venerdì 12 Febbraio 2010 08:09
Indice
Motorola Milestone: una pietra miliare rivestita di Android multitouch
1) Introduzione
2) Confezione e contenuto
3) Il riscatto di Motorola: la pietra miliare che segna la svolta
4) Google Android: sinonimo di rivoluzione open-source
5) Motorola Milestone: le caratteristiche tecniche
6) Motorola Milestone: uno sguardo da vicino
7) Motorola Milestone: uno sguardo da vicino - Parte 2
7) VIDEORECENSIONE !
8) Le foto e i video fatti da Milestone
9) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

Motorola Milestone

Versione recente di Android all’interno di Motorola Milestone, lo smartphone slider QWERTY più sottile del mondo e display multitouch e pinch to zoom da 3.7 pollici. InformaticaEasy vi offre una recensione, un report su Android nonchè una videorecensione lunga più di 20 minuti!


Periodo di susseguenti recensioni su InformaticaEasy, grazie al maggior tempo che ho a disposizione, perlomeno fino alla conclusione di febbraio.

In questo report voglio proporvi un'analisi da vicino di uno dei primissimi smartphone disponibili sul mercato integrante il nuovo sistema operativo mobile Google Android.

Si tratta del Motorola Milestone, primo telefono di una nuova serie che segna una svolta decisiva nel campo del settore mobile per Motorola. Dopo un'offerta che si basava -fino a poco tempo fa- su telefoni cellulari piuttosto arretrati se rapportati alla concorrenza, infatti, Motorola ha capito che non è solo la linea estetica e la lega di carbonio che contano.

Memore di questa nuova filosofia di progettazione, il colosso americano ha deciso di cogliere al volo una delle ultimissime novità inerenti il settore smartphone: Google Android, un'idea che spesso è riduttivo definire "sistema operativo mobile".

InformaticaEasy.net ha cercato di seguire l'evoluzione di Android, offrendovi puntualmente articoli relativi a smartphone che lo supportano nonchè inerenti l'OS stesso. Probabilmente, però, l'attenzione di voi lettori è stata massima nel caso della videopreview del Sony Ericsson Xperia X10, con tanto di intervista ai Manager italiani e prova sul campo.

A tale preview seguirà certamente una recensione completa vera e propria, appena il terminale sarà disponibile sul mercato e per chi come me recensisce.

Nel frattempo, però, torniamo a parlare in questa recensione del Milestone (Droid, per gli americani), un prodotto già commercializzato da più di un mese e dunque più concreto e tangibile.

Review & VideoReview!

L'evoluzione degli smartphone (e dei sistemi operativi che offrono all'end-user) comporta l'integrazione di un numero di funzionalità che cresce più che esponenzialmente. Una tale iniettività rende difficile, tramite semplici scatti, mostrarvi come tali terminali funzionino.

Per questo motivo, a partire da questa recensione, ho pensato di offrirvi a corredo un approfondita videoreview che troverete sia nelle pagine seguenti che nei principali siti di video hosting (DailyMotion e YouTube).

A tal proposito, è bene svelare un mito: spesso chi recensisce ricorre alle videoreview per adeguarsi alle tendenze concorrenziali e soprattutto per fare articoli sbrigativi. Realizzare un video, seppur lungo, implica indubbiamente un minor dispendio di risorse rispetto alla stesura di un articolo. Tutto ciò spesso finisce col ripercuotersi pericolosamente sulla qualità e la bontà della recensione stessa.

Cercando di evitare tale trappola, ho dunque voluto integrare una videoreview all'interno delle classiche recensioni testuali alle quali i lettori più affezionati  di InformaticaEasy.net saranno oramai abituati.

Non nascondiamolo: sebbene si tratti di una recensione sul Motorola Milestone, in tale articolo non può non predominare la presenza di Google Android. Per questo motivo, ho pensato di dedicare un'intera pagina di tale report al nuovo sistema operativo di casa Google: spero apprezzerete.

 

La seguente (video)recensione segna dunque l'inizio di una nuova collaborazione con Motorola, resa possibile grazie alla disponibilità di Hill & Knowlton. Un grazie a tale Agenzia PR, ed in particolar modo alla gentile Silvia Campanella.

Motorola Milestone

Lo dico o non lo dico? Lo dico o non lo dico? Lo dico. Attualmente sono già disponibili preview e recensioni vere e proprie del Milestone. Tra di esse, mi ha colpito una in particolar modo, realizzata da uno dei più importanti portali di informatica (nonchè rivista online) italiano. Nonostante la fama di tale testata, la recensione offerta sulle pagine del suo sito reca una data molto recente e parecchio distante rispetto al debutto ufficiale del telefono. Ma ciò che mi ha colpito è un altro aspetto: come si può criticare duramente un Milestone relativamente alla fotocamera, alla stabilità e alla velocità se si analizza un sample di pre-produzione con software in fase beta?! E nonostante il terminale sia disponibile sul mercato in versione definitiva da tempo?!

Tranquilli, InformaticaEasy aborra tutto ciò. Il terminale che mi è stato gentilmente messo a disposizione da Motorola è completamente nuovo ed imballato, e NON si tratta di un sample di pre-produzione, così come testimoniato dall'assenza della scritta "Confidential Motorola restricted. Property not for sale" sulla superficie nera sporgente che ho immortalato nel seguente scatto.

Motorola Milestone


Android, ed in generale tutti i terminali GoogleOS-based, sono stati concepiti nell'ottica della portabilità e dell'immediatezza d'uso. Un primo esempio di tali doti è la confezione del Motorola Milestone, molto compatta e dal facile accesso al suo prezioso contenuto.

Motorola Milestone

All'interno di tale box troviamo, oltre al Milestone, una guida rapida d'uso, informazioni sulla garanzia, un CD con software Motorola Media Link, cavo dati e ricarica USB (con adattatore per ricarica da 220V), auricolari con cuffie di ricambio, batteria da 1400mAh.

Motorola Milestone

Vi avviso sin da subito: il software Media Link presente nel CD fornito non funzionerà con Windows 7. Per questo, vi consiglio di scaricare la versione più aggiornata direttamente dal sito Motorola per ovviare a tale problema.

La guida d'uso presente nella confezione è molto intuitiva e spiega in maniera facile ed immediata come muovere i primi passi su un telefono Android. Poichè la facilità d'uso contraddistingue anche il sistema operativo stesso, raramente avrete bisogno di leggere e studiare tale guida introduttiva. Android, sin da subito, vi metterà a vostro agio con delle configurazioni guidate molto rapide step-by-step.

Ultimo aspetto legato al contenuto della confezione: l'assenza di una custodia. Aspetto criticabile? A mio avviso non molto. Come avremo modo di vedere insieme tra qualche pagina, infatti, il display di Milestone non teme graffi (a differenza, ad esempio, dei plasticosi Nokia -eccezione X6-). Idem per la scocca. Se siete dei distrattoni e molto propensi a trasmettere graffi a ciò che vi capita per le mani, potete rimediare alla sbadataggine acquistando per pochi euro una custodia =P


Come ottimamente spiegatoci da Wikipedia, Motorola è un'azienda statunitense di elettronica produttrice di microprocessori, telefoni cellulari, nonché innumerevoli tipologie di componenti elettronici, adatti per svariate applicazioni, dai diodi ai circuiti integrati. La sede è a Schaumburg, Illinois, un sobborgo di Chicago.

In Italia Motorola iniziò a far parlare di sè nella prima metà degli anni 90. Probabilmente anche chi a quei tempi aveva un minimo di facoltà cognitive (era il mio caso, con i miei 5 anni di vita...), ricorderà la massiccia imponenza di terminali "portatili" E-Tacs, tra cui MicroTac e il più famoso StarTac.

Ad un debutto concorrenziale e competitivo seguì, a partire dal 2000 circa, un periodo di stasi. La concorrenza aveva da offrire terminali migliori e più aggiornati. Perlomeno fino al 2004, data a partire dalla quale l'Azienda tornò all'attacco con il suo primo smartphone UMTS con fotovideocamera (forse ricorderete la relativa promozione della Tre).

Nuova pausa di riflessione, a cui subentrò il Razr V3. Questo terminale fece molto clamore e fu accolto positivamente da una buona fetta di end-user grazie al design accattivante e all'impiego di materiali innovativi uniti ad una pulizia della linea e ad una compattezza da primato.

A questo punto subentrò un nuovo "silenzio tecnologico", fragorosamente interrotto da pochi mesi grazie all'eclatante annuncio del primo potente smartphone prodotto dall'Azienda che offriva il sistema operativo Android su una base hardware davvero promettente: nasce Motorola Milestone.

Motorola Milestone


Non posso parlarvi di uno smartphone Google Android senza parlarvi di quest'ultimo. Per questo motivo ho deciso di dedicare questo paragrafo alla trattazione di Android, discutendo di aspetti che torneranno utili sia nella visione della videoreview che per le successive recensioni di smartphone basati su Android (che spero di offrirvi presto!).

Definizione, teoremi e corollari. ANDROID è un nuovo sistema operativo open-source concepito dalla californiana Google e progettato per integrarsi con i moderni smartphone in grado di supportarlo appieno grazie a dotazioni di memoria e potenza di elaborazione superiori. Si basa su Java e si appoggia ad un kernel Linux.

Motore di un upgrade hardware dei moderni telefoni cellulari, Android ha iniziato a far parlare di sè sin dalla versione 1.5. Maggior interesse pubblico ha suscitato la versione 1.6 Donut, decisamente più stabile, alla quale sono subentrate le ultimissime revision 2.0 e 2.1.

Google Android wallpaper

Google Android cerca di colmare la lacuna dal punto di vista software mobile creata dall'iPhone OS, offrendo un prodotto gratuito e personalizzabile al quale tutti gli utenti ed i programmatori più abili possono "mettere mani". Codice aperto e pienamente configurabile, irresistibile stimolo per molti sviluppatori software e applicazioni di terze parti.

Android è un sistema operativo votato al web: prepariamoci a scegliere un'offerta adeguata per la navigazione web con il nostro operatore telefonico, altrimenti non riusciremo a comprendere e a sfruttare appieno il potenziale di Android.

Il piccolo grande droide offre supporto completo non solo al world wide web (inteso come puro WWW e non come riduttivo WAP) ed ai servizi del Web 2.0, ma anche alla multimedialità, alla connettività in generale e all'estensione delle funzionalità software tramite costanti aggiornamenti e piena integrazione con applicazioni ed estensioni di terze parti.

Tra gli aggiornamenti più lodevoli, merita certamente menzione il supporto al multitouch, introdotto dalla versione 2.0 ed il cui record di integrazione spetta proprio a Motorola con il suo Milestone.

Google Androids

La piattaforma open-source Android è sviluppata e basata sul sistema operativo Linux, ed offre pieno supporto alla grafica 3D OpenGL fino allo standard 2.0. Grazie alla diffusione dell'SDK 2.1, il pacchetto di sviluppo di applicazioni e relativa documentazione, sono moltissimi gli sviluppatori che fanno uso delle API di Android per ideare e diffondere tramite un canale chiamato Android Market i software di loro concezione.

L'architettura di sistema di Google Android è riassumibile e esemplificabile mediante la seguente schematizzazione:

Google Android architettura


Progettato per ottenere il massimo da Android, Motorola Milestone è un potente smartphone che associa una tastiera fisica slider QWERTY più sottile disponibile oggi sul mercato (13,7 mm) al display pinch to zoom e multi-touch.

Il terminale offre multitasking potendo contare su una potenza hardware davvero ottimale. Le funzionalità includono un’esperienza Web più ricca: un ampio schermo touch (anzi, multitouch) che garantisce la possibilità di vedere la completa ampiezza di un sito Web e l’accesso a migliaia di applicazioni e widgets da Android Market. La suite delle applicazioni di Google Maps con Latitude tra cui Gmail e YouTube è inoltre integrata all’interno del dispositivo.

Apriamo virtualmente l'unità ed analizziamone il PCB. Cuore pulsante di Milestone è una CPU OMAP3430 di Texas Instrument da 550 MHz, coadiuvata da 256MB di memoria RAM e 512MB di memoria flash interna, a cui vanno aggiunti 8GB di microSD inclusa nella confezione. E' possibile aggiornare la microSD scegliendo modelli più capienti (max 32GB).

Non riporto una noiosa schematizzazione delle caratteristiche tecniche: trovate infatti una tabella che, per giunta, le compara con altri modelli concorrenziali in QUESTO articolo che realizzai qualche tempo fa.

In 11.6 x 6 cm e 162 grammi, Motorola Milestone racchiude un ampio display LCD da 3,7 pollici di diagonale e 480 x 854 pixel di risoluzione (per un totale di oltre 400K pixel e 265DPI). Lo spessore di 13,7 mm è davvero esiguo se si considera che il device integra una tastiera fisica QWERTY di tipo slide, a scomparsa.

Il dispositivo integra una fotocamera da 5 Megapixel con autofocus, doppio flash LED e possibilità di registrare video in 3GP da 720x480 pixel (qualità DVD @ 24fps).

Predominante e molto interessante la presenza della tecnologia multitouch, che si rende utile nell'esplorazione del web e nella visione delle fografie.

Tutti i contenuti multimediali sono gestibili anche via PC grazie alla suite Motorola Media Link e Motorola Phone Portal. La sincronizzazione è affiancata dal supporto completo al Bluetooth Stereo v2.1 + EDR2, WIFI, USB 2.0 High Speed, connettore per cuffie jack da 3,5 mm e tecnologia CrystalTalk che assicura una elevata qualità di conversazione.

Immancabili il sensore di prossimità, quello di luminosità ambientale e l'accelerometro. Il tutto perfettamente integrato insieme all'A-GPS sfruttato sin da subito dalla versione ridotta del software di navigazione Turn by Turn di Motonav nonchè da Google Maps ed E-Compass Latitude.

Supporto completo ai social media tramite widget e applicazioni dedicate, nonchè alla messaggistica istantanea (Google Talk). E' inoltre possibile gestire le e-mail a tutto tondo grazie all'integrazione dei protocolli IMAP e POP, nonchè Gmail ed Exchange Mail.

La connettività si basa sui protocolli WCDMA 900/2100, GSM 850/900/1800/1900, HSDPA 10.2 Mbps (categoria 9/10), GPRS classe 12, HSUPA 5.76 Mbps.

I codec Audio supportati sono molteplici (AMR-NB/WB, MP3, WAV, AAC, AAC+, eAAC+, WMA), così come quelli video (MPEG-4, H.263, H.264, WMV).

I 1400 mAh di capienza della batteria assicurano teoricamente un'autonomia 380 ore in standby e 290 minuti in conversazione (3G) che scendono rispettivamente a 350 ore e 390 minuti in GSM.


Troppe chiacchiere. Passiamo alle foto. Il Milestone di Motorola ha un design particolare, nè brutto nè stupendo. La scocca è molto robusta, il display perfettamente integrato al suo interno e plastica e metallo si fondono con armonia generando un prodotto che esteticamente appare mediamente compatto ma decisamente quadrato e spigoloso. Una linea che a mio avviso può piacere così come può far storcere il naso... Il design, si sa, è soggettivo.

Motorola Milestone

Oggettivamente parlando, invece, frontalmente fa grande scena il display da 3,7 pollici, particolarmente robusto grazie al rivestimento esterno in cristallo. Basta display resistivi e plasticosi a cui i graffi tendono continui agguati, basta alle antiestetiche pellicole protettive che riducono la sensibilità del tocco. Fate attenzione, però: una caduta da più di mezzo metro potrebbe far frantumare (o quasi) il display.

Completano il quadro dell'anteriore i quattro pulsanti in basso di Android (o sulla destra, stando alla foto seguente) nonchè, subito al di sotto di essi (alla loro destra sempre considerando la foto medesima) una inspiegabile ed anonima sporgenza che guasta in parte la linea slanciata.

Il logo Motorola è presente sul bordo frontale in alto; assente invece la dicitura Milestone sul terminale. Nella zona logo, presente inoltre il LED di stato (rosso/verde) con sensore di luminosità.

Motorola Milestone

Il bordo superiore include pulsante di accensione e blocco tastiera e ingresso per auricolare. "Vuoto" il bordo inferiore.

Motorola Milestone

Il lato destro offre pulsante per scatto e messa a fuoco della fotocamera nonchè bilanciere per il controllo del volume (che purtroppo non funziona anche da zoom). Porta USB 2.0 sul lato sinistro, con relativo LED bianco.

Motorola Milestone

Robusta la scocca sul lato inferiore, con inserti laterali in gomma antiscivolo per una migliore impugnatura ed una maggiore resistenza allo scivolamento quando il terminale è appoggiato su superfici lisce.

Motorola Milestone

Impossibile non notare la scritta "5 MP Autofocus" nei pressi dell'obiettivo fotocamera con il flash dual LED.

Motorola Milestone

Sul lato posteriore opposto troviamo l'altoparlante:

Motorola Milestone

Il tutto verrà analizzato nel dettaglio nella videorecensione che trovate a breve.


Il vano batteria è racchiuso in una cover di chiusura molto robusta con quattro clip ad incastro.

Motorola Milestone

Un'ultima foto del lato posteriore con batteria inserita; sul lato destro notiamo gli slot per la SIM Card e la scheda SD (di default Milestone ne include una da 8GB della SanDisk).

Motorola Milestone

Nonostante l'assenza di un'apertura assistita e la presenza di superficiali raschi longitudinali sul lato posteriore della cover del display, il meccanismo di apertura slider della tastiera fisica full QWERTY retroilluminata risulta robusto.

Motorola Milestone

Milestone è ottimamente impugnabile anche con tastiera aperta, la digitazione risulta però leggermente più rapida quando il terminale è appoggiato su una superficie.

Motorola Milestone

Oltre alla tastiera, abbiamo a disposizione un joypad a quattro vie con tasto di "enter" centrale, col quale esplorare praticamente qualunque menu in alternativa al touch.

Motorola Milestone

Tasti piuttosto piccoli ed estremamente ravvicinati, ma chi ha dita sottili e slanciate non avrà particolari problemi nell'utilizzo, soprattutto scegliendo la revision con tasti leggermente bombati (anzichè piatti come nel modello in prova).

Aspetto interessante della tastiera è la possibilità di mantenere premuto il tasto Maiusc mentre si accede alla seconda funzionalità dei tasti (identificata da numeri o simboli riportati in posizione di apice e in colorazione dorata).

Motorola Milestone


Prima di passare ad un test di fotocamera e videocamera, non resta che visionare la videoreview di InformaticaEasy.net su Motorola Milestone. Spero perdonerete la bassa qualità dell'audio e la saltuaria mancata messa a fuoco di alcuni particolari (la videocamera non gradisce la messa a fuoco di oggetti in movimento).

Vi consiglio caldamente di visionare il video in HD. Se tuttavia la vostra connessione ADSL non riuscisse a "stare al passo" col buffer e notate interruzioni, mettete in pausa ed abbiate la pazienza di attendere qualche istante, dopodichè riavviate. Potrei suggerirvi di passare alla definizione standard ma, credetemi, non è la stessa cosa in quando vi perdereste molti dei particolari del video nonchè gran parte della nitidezza.

Purtroppo, a causa della lunghezza del video (> 10 min.), sono stato costretto a scindere il video in due parti per poterlo hostare su YouTube. Ma ci sappiamo accontentare, vero?? Trovate le due parti della videorecensione di seguito:

Connessione ad internet: consigli sul piano tariffario

Probabilmente ha poca attinenza con questo paragrafo, tuttavia mi preme consigliarvi di munirvi di una connessione ad internet di tipo Flat per l'utilizzo di un qualunque terminale Android. Il sistema operativo è web-connected e web-oriented in gran parte, dunque si rende necessaria, per una migliore "user experience", l'adozione di un piano tariffario con il proprio operatore telefonico in modo da metterci al riparo da spiacevoli decurtazioni di credito a seguito, ad esempio, di connessioni per il controllo degli aggiornamenti, l'update degli status di alcuni widget,...

Personalmente ho optato per l'offerta Vodafone Mobile Internet che, a 3€ settimanali (prima settimana omaggio), permette di usufruire di 500MB di traffico, decisamente non pochi per un uso quotidiano più che moderato della rete web. Ottima la velocità di connessione, perlomeno qui a Torino.


Prima di tirare le somme e giungere alla conclusioni, non resta che analizzare le potenzialità della fotovideocamera. Iniziamo con quattro foto scattate con Motorola Milestone, di cui la prima in modalità macro e l'ultima in condizioni al limite (sole di fronte). Cliccate sulle anteprime qui di seguito per guardare le foto nella loro risoluzione originale pari a 5 MegaPixel. Da segnalare, a riguardo, qualche problema nella messa a fuoco prima dello scatto.

Motorola Milestone sample foto - 1 _______ Motorola Milestone sample foto

 

Motorola Milestone sample foto _______ Motorola Milestone sample foto

Infine, un video girato con il terminale. In realtà si tratta di diversi spezzoni di video fusi in uno, con l'intento di mettere in luce il comportamento della videocamera in relazione a diversi parametri ambientali: cambio repentino di luminosità, presenza di sola luce artificiale, qualità delle riprese di giorno,...


Come abbiamo potuto osservare dalla videoreview, le caratteristiche di Milestone permettono una veloce e agile esperienza Web resa possibile dal browser Android completo, performance di elaborazione e velocità di connessione. Disponibile inoltre un aggiornamento diretto del software “over-the-air”.

Motorola Milestone permette di effettuare ricerche particolari non solo sul Web, ma anche tra le applicazioni, i contatti, i brani musicali e molto altro. La ricerca utilizza il GPS, che permette di trovare segnalazioni pertinenti grazie alla localizzazione. Risulta quindi facile trovare la cerchia dei propri amici con Google Latitude, una funzionalità di navigazione che fa apparire sul display le informazioni relative a dove si trovano i nostri amici selezionati e chi di loro è nelle vicinanze.

Accessorio interessante del terminale è la Multimedia Station, che trasforma il dispositivo in un hub multimediale per film, musica, fotografie, e può funzionare anche come un orologio sveglia. Lo smartphone è inoltre compatibile con Motorola Media Link, permettendo di gestire i diversi media attraverso il telefono, il PC e Internet.

Da segnalare, sempre relativamente ad Android, l'implementazione da primato del multitouch (solo da poco sbloccato su Nexus One), un'ottima reattività del sistema, gradevoli animazioni, un display touchscreen decisamente buono, ampio e luminoso, una forte propensione alla multimedialità e la possibilità di espandere infinitamente le funzionalità software del dispositivo grazie agli innumerevoli applicativi scaricabili da Android Market. Foto e video, infine, risultano essere di buona qualità.

Motorola Milestone è perfezione assoluta? NO. A voler trovare il pelo nell'uovo, infatti, ci sono delle carenze che mi preme segnalare:

  • Display da 3,7 pollici, contrariamente alla tendenza dei 4 pollici che, a parità di numero di pixel (che differiscono solo per la grandezza) offrono caratteri più grandi, visibilità più gradevole delle pagine web senza zoomare eccessivamente e miglior comfort nell'uso della keyboard (soprattutto in modalità non-landascape);
  • Design sicuramente originale ma migliorabile, abolendo bordi spigolosi e sporgenze anonime;
  • Impossibilità di registrare video in HD;
  • Fotocamera con problemi di messa a fuoco e qualità foto leggermente migliorabile: aspetti che potranno sicuramente essere "fixati" con release ed aggiornamenti successivi;
  • Mancanza di camera frontale;
  • Assenza del modulo Radio FM;
  • Precisione del display leggermente (molto leggermente) migliorabile. Sensibilità invece eccellente;
  • Qualità audio in parte migliorabile, volume massimo ottimo ma non elevatissimo;
  • Saltuari freeze delle applicazioni: Android riesce comunque a terminare il processo senza problemi;
  • Display TFT e non OLED;
  • Al momento aggiornabile solo ufficiosamente ad Android 2.1.

Alcuni dei difetti probabilmente sono da super-meticolosi, tuttavia credo meritino menzione poichè stiamo parlando di smartphone high-end e caratterizzati da un prezzo elevato, nonchè integranti CPU e sistema operativo che supportano caratteristiche hardware superiori.

Non dimentichiamo però che questo è solo il primo approccio di Motorola nei riguardi di Android: come primo modello Android-based, Milestone si rivela un terminale eccellente e non un modello di "testing" iniziale.

Un'ultima chicca: tramite l'applicazione Android System Info, gratuitamente scaricabile dal Market, ho scoperto che il Milestone ha più sensori di ciò che vorrebbe farci credere. Presenti non solo l'accelerometro a tre assi, il sensore di campo magnetico a tre assi, il sensore di prossimità, quello di orientamento e di luminosita, ma anche... un sensore di temperatura! ("AK8973 Temperature sensor 1.0 mA by Asahi Kasei"). Resta da capire se tale sensore si occupa di monitorare il calore della CPU oppure può essere sfruttato da applicazioni di terzi per usufruire, ad esempio, di un widget che mostra la temperatura ambiente senza ricorrere ad una connessione web...

award

Motorola non demorde e, dopo Milestone, si sta occupando del lancio di Motoroi nel mercato orientale (che include ricevitore TV digitale terrestre e possibilità di registrare video in qualità HD720p). Non dimentichiamo, infine, che diversi rumor affermano che l'Azienda è attualmente al lavoro sul modello "Mirage" o "Shadow", che potrebbe essere il futuro Nexus Two la cui produzione è stata affidata da Google non più ad HTC (come nel caso del Nexus One) ma a Motorola. Il tutto, come sempre, condito con Android.

Commenti (2)add comment
0
Vince: ...
Complimenti per la recensione, bel lavoro.
Nonostante la mia assoluta mancanza di fiducia verso qualsiasi oggetto che porti la marca Motorola, questo sembra ben fatto.
Forse è ancora troppo presto per passare ad Android: pochi applicativi ottimizzati a pieno e, onestamente, è scopiazzato un pò da Symbian e un pà da Apple...ma "lo perdono"... è ancora agli inizi!
Dato che la parte tecnica l'hai notevolmente approfondita, mi soffermo sulla parte estetica...davvero bruttarello!!! Farlo un pò più smussato e con qualche richiamo alla tecnologia (che so...una piccola cromatura, una strisciolina stilizzata di colore diverso) avrebbe potuto renderlo più accattivante.
Ricordiamo infatti che il famoso iphone, che dovrebbe essere il suo diretto concorrente, si basa moltissimo su moda, marketing ed estetica!
Per il resto...i Motorola hanno da sempre dato gravi problemi di affidabilità(e non starò qui a dilungarmi sui leggendari centri di assistenza Motorola paragonabili ai gironi infernali!)...
e se continuerai ad usarlo, anche in maniera pesante, sono sicuro che ci aggiornerai a riguardo!
1

febbraio 14, 2010
62
admin: ...
Ciao,
sono contento che l'articolo ti sia piaciuto smilies/smiley.gif
L'ho scritto: l'aspetto estetico è soggettivo, è sicuramente discutibile sotto certi punti di vista. Personalmente non lo trovo malaccio soprattutto perchè, al contempo, la scocca è in grado di assicurare un livello di robustezza davvero incredibile.

Piccolo AGGIORNAMENTO: ieri aggiornato ad Android 2.0.1; rimossa la "scattosità" nella galleria, ora accompagnata da un'animazione più gradevole in modalità landscape.

Paolo - Admin
2

febbraio 15, 2010

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.