Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

HTPC High-End con l'Antec Fusion Remote Max - 5) Il case dall'interno - Parte 1
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Venerdì 05 Febbraio 2010 08:16
Indice
HTPC High-End con l'Antec Fusion Remote Max
1) Introduzione
2) Confezione e contenuto
3) Il case dall'esterno - Parte 1
4) Il case dall'esterno - Parte 2
5) Il case dall'interno - Parte 1
6) Il case dall'interno - Parte 2
7) Caratteristiche tecniche e principali funzionalità
8) Cenni di installazione/configurazione e prova sul campo
9) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

Per accedere all'interno del case è sufficiente svitare una vite (di tipo tool-less) che ancora la paratia superiore al lato posteriore. Forse superfluo ricordare che il case è progettato per essere installato in orizzontale, dunque il modo in cui collochiamo il prodotto coincide con la sua posizione durante le operazioni di assemblaggio e di installazione della componentistica hardware scelta.

Installare il case in orizzontale significa annullare il rischio che il il dissipatore della CPU gravi eccessivamente sul PCB della scheda madre appesantendolo. Idem per le schede video, che non resteranno "a penzoloni".

Come potete osservare dalla foto seguente, il case è sufficientemente ampio da poter ospitare una scheda madre ATX senza grossi problemi. Ovviamente non avremo moltissimo spazio a disposizione oltre il perimetro della motherboard, e questo implica una scelta oculata nella disposizione dei cavi, nella scelta della scheda video e del sistema di dissipazione della CPU.

Antec Veris Fusion Remote Max

Eccole, le due ventole che prima si intravedevano dall'esterno: entrambe lavorano in espulsione, e ciò significa che l'aria potrà entrare unicamente dalle feritoie in basso, dagli slot PCI della VGA e dall'alimentatore, nonchè dalla griglietta sulla paratia superiore. Personalmente avrei predisposto il sistema di ventilazione in maniera leggermente diversa, in modo cioè che una delle generose ventole soffiasse aria all'interno. Ciò è particolarmente utile soprattutto nel caso di dissipatori a lamelle parallele al piano della scheda madre.

Più nello specifico, nello scomparto riservato alla scheda madre, sul fianco del telaio, è installata una ventola TriCool da 140 mm e una ventola TriCool da 120 mm è installata nella parte posteriore del telaio, vicina alla CPU, per il raffreddamento di quest’ultima.

Tra la ventola posteriore da 120 mm e le prese d’aria posteriori è ubicato un deflettore dell’aria. È una parte importante del sistema di ventilazione di questo telaio, ed è possibile regolarla aggiungendo o eliminando sezioni, adeguandolo al meglio alla posizione della CPU sulla scheda madre. Esso forzerà l’aria esterna fredda che entra dalle prese posteriori verso le schede grafiche e la CPU, potenziandone il raffreddamento.

Fusione Remote Max è dotato inoltre di una staffa da 120 mm con supporto a schede PCI "full length" integrato.  Su tale supporto, che si colloca sullo scomparto per HDD frontale, è possibile installare una ventola opzionale da 120mm per un raffreddamento aggiuntivo delle schede grafiche.

Antec Veris Fusion Remote Max

Passiamo ora ad analizzare una seconda prospettiva dell'interno del case: il blocco anteriore e laterale sinistro (o destro, se si osserva l'immagine che segue). In questa zona "ad L" sono ospitate le periferiche da 3,5 e 5,25 pollici nonchè l'alimentatore. Più nello specifico, aprendo il pannello superiore è possibile vedere che il telaio è suddiviso in tre scomparti separati: lo scomparto dell’alimentatore, lo scomparto della scheda madre e lo scomparto HDD. Questa struttura a tre scomparti isola il calore e la rumorosità di ogni sezione, assicurando così un funzionamento molto più silenzioso e un raffreddamento più efficiente rispetto al telaio desktop tradizionale.

L'immagine seguente permette di osservare come la presenza di tre fori sulla paratia che separa la zona bassa (alimentatore con due HDD) dal resto del case faciliti notevolmente l'ordine all'interno del case poichè permette di organizzare al meglio i cavi, per migliorare ulteriormente la circolazione d'aria all'interno ed evitare ristagni di calore.

Antec Veris Fusion Remote Max

Proprio quest'ultima sezione (quella laterale) ospita l'alimentatore e due hard disk.

Antec Veris Fusion Remote Max

Il Power Supply viene adagiato e assicurato al case grazie a gommini in inferiori ed uno strato di robusto neoprene laterale: azzerate, in questo modo, eventuali vibrazioni derivanti dal funzionamento dell'unità.

Antec Veris Fusion Remote Max

Nello scomparto riservato all'alimentatore vi è spazio sufficiente per due unità disco rigido:

Antec Veris Fusion Remote Max




Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.