Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

SSD OCZ Agility 120GB: performance elevate per l'utenza mainstream - 2) L'offerta SSD di OCZ nel dettaglio
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Venerdì 04 Dicembre 2009 08:03
Indice
SSD OCZ Agility 120GB: performance elevate per l'utenza mainstream
1) Introduzione: Solid State Drive technology ed OCZ
2) L'offerta SSD di OCZ nel dettaglio
3) SSD Agility 120GB: confezione e contenuto
4) L'Agility da vicino
5) Il PCB dell'Agility: controller, memorie NAND e cache
6) OCZ Agility: tutto su caratteristiche tecniche, firmware, TRIM ed altro
7) TRIM e Garbage Collection: cosa offre OCZ
8) Test eseguiti: piattaforma utilizzata e metodologie impiegate
9) Test: HD Tune
10) Test: HD Tach
11) Test: Everest
12) Test: CrystalDiskMark e ATTO
13) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

OCZ è stata da sempre uno dei pionieri nella tecnologia di archiviazione flash, mantenendo nel tempo dei costi dei propri prodotti abbordabile per un'ampia fetta di utenti finali. L'azienda è stata una delle prime ad introdurre gli SSD sul mercato (a partire dal primo quadrimestre del 2008). Sempre OCZ, è stata la prima azienda a convincere l'industria che anche le memorie MLC (e non solo le SLC) sono ottimamente impiegabili per gli SSD. Oltre ad un ampio supporto online grazie alla nascita di una forum community, il cliente OCZ può anche contare su supporto telefonico e/o via mail per il proprio SSD.

Non dimentichiamo, inoltre, che la OCZ è stata altresì la prima azienda ad annunciare un SSD che potesse competere con le soluzioni di Intel in funzione del rapporto prezzo/prestazioni. Infine, una delle motivazioni che hanno posto OCZ al di sopra, rispetto ad altre aziende, nel campo dei Solid State Drive: il supporto a soluzioni per contrastare il degrado di performance degli SSD grazie al lancio del Firmware 1.4/1.41.

Ma cosa ha da offrire l'azienda all'utente? OCZ ha pianificato la sua produzione suddividendola in tre livelli di offerte, determinati a seconda dell'architettura, delle prestazioni e del prezzo. L'obiettivo dell'azienda è quello di primeggiare in quanto a performance, così come rendere accessibile all'utente la tecnologia di memorizzazione di massa basata sull'uso delle memorie flash. Con particolare attenzione anche alle applizazioni mobile (netbook/notebook). E' quindi possibile iniziare a focalizzare tre classi di SSD OCZ: Enterprise, Performance e Mainstream.

OCZ Agility Series 120GB SSD

Sostituendo mentalmente  la parola Enterprise con "Maximum performance", la seguente schematizzazione riportata da OCZ nella sua reviewer's guide degli SSD inizia a chiarire a grandi linee i modelli di Solid State Drive offerti, la fascia di prestazioni in cui si collocano nonchè il tipo di NAND Flash impiegate (SLC o MLC) e i transfer rate sequenziali:

OCZ Agility Series 120GB SSD

 

Inoltre, ogni singolo modello è offerto in tagli differenti; OCZ ha scelto di usare capacità di 30GB, 60GB, 120GB,... anzichè le classiche 32GB, 64GB, 128GB,... Perchè questo? Gli standard industriali di archiviazione contemplano l'espressione della capacità in decimale (ovvero dividendo per 1000 ad ogni passaggio da byte a KByte, ecc...) metre il sistema operativo calcola la capacità in formato binario (1024 anzichè 1000). Per questo motivo, HDD ed SSD mostrano una capienza inferiore in ambiente Windows. E per la medesima ragione OCZ è "andata sul sicuro" riducendo la capacità nominale dell'unità ad un valore maggiormente prossimo a quello reale, considerando anche che fino al 5% dello spazio offerto dall'unità viene utilizzato per la ridondanza dell'algoritmo di wear levelling, dal file system e come primo rimedio per contrastare il degrado in scrittura random (quest'ultimo caso è stato ampiamente trattato nell'articolo sugli SSD riportato alla pagina precedente di questa recensione).

 

Riprendendo i modelli precedenti e scendendo più nel dettaglio in relazione alle capienze offerte, può tornarti utile la seguente tabella che visualizza, per ogni singolo modello, i vari tagli, le velocità massime di lettura e scrittura (spesso dipendenti anche dallo spazio offerto dal drive), il quantitativo di memoria cache, il controller utilizzato (Indilinx oppure Samsung) ed il tipo di memorie NAND impiegate (SLC oppure MLC, con indicazioni al processo produttivo in nanometri):

OCZ Agility Series 120GB SSD




Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.