Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Antec P193, il nuovo re della serie Performance One - 2) Il case dall'esterno - parte 1
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Venerdì 17 Aprile 2009 08:26
Indice
Antec P193, il nuovo re della serie Performance One
1) Introduzione, confezione e suo contenuto
2) Il case dall'esterno - parte 1
3) Il case dall'esterno - parte 2
3) Il case dall'interno - parte 1
4) Il case dall'interno - parte 2
5) Caratteristiche tecniche
6) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

2) Il case dall'esterno - parte 1

Il case è realizzato totalmente in plastica e metallo. E' molto robusto, decisamente un altro pianeta rispetto alla prima versione del Nine Hundred, però la robustezza ha un suo prezzo: il P193 è, infatti, davvero molto pesante. I 16,25 Kg a vuoto reggiungono almeno quota 20-25 Kg dopo aver riempito il case con tutti i nostri componenti hardware. Il peso non indifferente avrebbe forse dovuto spingere Antec ad adottare delle maniglie apposite per sollevare agilmente il case, senza magari sfruttare come superfici d'appiglio delle zone piuttosto deboli (es. in plastica). Abbastanza curato l'assemblaggio, così come l'integrazione delle ventole superiori presenti al di sotto della scocca del tetto, visibili nella foto seguente.

Antec P193

Uno degli aspetti singolari del P193 è la presenza di una curiosa (e forse un po' antiestetica) sporgenza laterale, realizzata sulla paratia sinistra, ovvero quella che dà accesso ai componenti hardware installati al suo interno. Sia il frontale che questa sporgenza laterale sono rivestiti in alluminio, con finitura lucida, protetto nella confezione originaria da apposite pellicole. 

Antec P193

Il case risulta ottimamente assemblato e tutti i suoi spigoli sono stati opportunamente smussati. Non aspettiamoci però angoli estremamente tondeggianti: c'è giusto il necessario. Dal particolare immportalato nella foto seguente notiamo l'incisione del logo Antec sul frontale nonchè delle fenditoie anteriori e laterali che non rappresentano solamente un vezzo estetico ma sono necessaria per la corretta areazione dello chassis.

Antec P193

La "protuberanza" laterale non è altro che una sporgenza avente i bordi forellati, in modo che la ventola da 20cm in essa alloggiata possa attingere aria dall'esterno per immetterla direttamente sulla scheda madre e sui componenti su essa installati , garantendo un raffreddamento efficace alle schede grafiche e ai componenti della scheda madre maggiormente soggetti a surriscaldamento. La ventola Big Boy 200 da 200mm è stata spostata verso l'esterno in modo da lasciare più spazio per l'installazione di dissipatori di calore con dimensioni superiori: altri case concorrenziali con soluzioni simili offrono solitamente una ventola laterale alloggiata all'interno, il che spesso rappresenta un problema nei confronti dei dissipatori high-end alti 16 cm circa.

Antec P193

La ventola è dotata di un pratico filtro antipolvere estraibile in un istante, che può essere lavato sotto l'acqua corrente quindi riposto nel suo alloggiamento. La ventola da 20cm è capace di elevate portate d'aria, e ciò si traduce anche in un maggior quantitativo di polvere attratto insieme all'aria aspirata. La presenza di un filtro è necessaria non solo per questo, ma anche perchè pulire le numerose e fitte scanalatura interne, attorno alla ventola, risulterebbe un'operazione ardua e implicherebbe l'apertura del case.

Antec P193

Le due ventole superiori installate di default non sono munite di filtri. Non è necessario in quanto esse lavorano in espulsione e non in immissione e tra l'altro l'assenza di filtri non frena in alcun modo la portata d'aria delle ventole, che già deve fare i conti con le griglie di protezione, che comunque incidono in minima parte. 

Antec P193

Ecco il frontale del case, con le feritoie sul lato destro e le connessioni di input/output. La doppia cerniera frontale, progettata per consentire un’apertura fino a 270 gradi, facilita l’installazione e l’aggiornamento del sistema. Il case è molto robusto: dispone infatti di un doppio pannello laterale (acciaio, policarbonato) e di uno sportello anteriore a tre strati (alluminio, plastica, alluminio). Intervallare questi materiali significa fornire maggior solidità e al contempo un valido isolamento acustico. Lo sportello anteriore, fonoassorbente, può aprirsi a 270 gradi, in modo da posizionarsi parallelamente al pannello laterale del telaio.

Antec P193

Per accedere ai drive installati nel case è necessario aprire la cover anteriore (che resta ben chiusa grazie ad un supporto inferiore calamitato). Aprendo la "finestrella" ci troviamo davanti ad un gran numero di superfici forellate, tutte adeguatamente protette contro la polvere, che forniscono una marcia in più al case in termini di areazione e di ricircolo d'aria. Le varie feritoie, non solo anteriori ma anche laterali ed inferiori, consentono a questa zona di attingere aria fresca dall'esterno. Sono visibili, partendo dall'altro, quattro guide di fissaggio per unità esterne da 5,25 pollici e una guida di fissaggio esterna da 3,5 pollici (quest'ultima interposta tra le due ventole anteriori opzionalmente installabili).

Antec P193

L'analisi continua alla pagina seguente...




Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.