Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

La più potente (e silenziosa) ventola Noctua: NF-P12
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Mercoledì 25 Febbraio 2009 10:59
Indice
La più potente (e silenziosa) ventola Noctua: NF-P12
1) Introduzione e confezione
2) La Noctua NF-P12 da vicino
3) Caratteristiche tecniche e installazione
4) Test condotti
5) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

Noctua NF-P12

Un'analisi approfondita del modello di punta tra le ventole Noctua: si tratta della fan NF-P12, che offre prestazioni eccellenti nonostante la sua velocità massima di rotazione pari a 1300RPM. Dai test condotti, come avrete modo di constatare, riesce a contrastare una Nanoxia da 2000RPM.


1) Introduzione e confezione

Ogni singolo componente del nostro PC riveste una particolare importanza in quanto ricopre un determinato ruolo. Ad esempio, ogni singolo chip residente sulla scheda madre è necessario al corretto funzionamento della stessa; questo concetto può essere esteso all'intero computer. Data l'importanza di ogni componente hardware che costituisce il nostro sistema, è necessario porre particolare scelta al momento dell'acquisto, in modo da optare per soluzioni ottimali senza spendere un'enormità.

Le ventole sono componenti essenziali per la corretta dissipazione dei computer. Se da un lato la vastità delle ventole attualmente in commercio ci offre la possibilità di scegliere quelle che più ci aggradano, d'altro canto l'eccesso di offerta può creare confusione nell'acquirente. Per questo motivo, siamo portati ad effettuare una selezione quanto più drastica, scartando a priori le ventole caratterizzate da velocità di rotazione medio-basse, pensando che tali ventole non offriranno mai una ventilazione ottimale. Niente di più sbagliato! La velocità di rotazione non è certamente l'unico parametro che caratterizza le performance di una ventola. Troverete riscontro di ciò in questo articolo.

Perchè questa premessa? Per introdurre l'oggetto della recensione, ovviamente. Si tratta della ventola più prestante dell'azienda Noctua, specializzata nella produzione di ventole silenziose e dissipatori high-end. In particolare, il modello recensito è la ventola Noctua NF-P12. Si ringrazia  la gentile Noctua per aver fornito il sample.

 

La confezione della ventola Noctua è compatta ma ben realizzata; i componenti al suo interno sono ben fermi e le colorazioni della confezione richiamano quelle della ventola semi celata al suo interno.

Noctua NF-P12

Posteriormente, sulla confezione, sono riportare i principali punti di forza di questa ventola, le tecnologie di fluidodinamica adottate e le caratteristiche tecniche principali.

Noctua NF-P12

Ulteriori indicazioni, decisamente più tecniche e dettagliate, sono accessibili aprendo a libro la confezione dalla parte posteriore; la "copertina" apribile aderisce al corpo della confezione mediante un piccolo pezzo di velcro. 

Noctua NF-P12

Cosa contiene la confezione? Oltre alla ventola e al suo cavo tachimetrico a 3 pin, sono presenti quattro viti, quattro gommini antivibrazione (alternativi alle viti, per il fissaggio al case eliminando eventuali vibrazioni che potebbero crearsi durante il funzionamento della ventola), un adattatore 3pin --> molex 4pin, un riduttore di velocità L.N.A. ed uno U.L.N.A. (progettati da Noctua).

Noctua NF-P12

Tutti i componenti sono inseriti, all'interno della confezione, in un contenitore in plastica sagomato. Noctua tiene particolarmente alla cura dei particolari; la confezione ne è un piccolo esempio.

Noctua NF-P12

2) La Noctua NF-P12 da vicino

Come da tradizione Noctua, anche la NF-P12 ha le 9 pale di color marrone e il telaio della ventola giallino / marroncino chiaro. Niente fronzoli, niente reazione ai raggi UV: una ventola apparentemente essenziale, che in realtà ingloba le ultime trovate tecnologiche in campo di fluidodinamica.

Noctua NF-P12

I prodotti Noctua sono progettati ed ideati in Austria. Fiore all'occhiello della produzione di ventole è certamente il particolare motore, l'SSO-bearing, che gode di caratteristiche da primato che analizzeremo più avanti. La ventola è alimentata con una tensione massima di 12V, assorbe fino a 1,08W ed è di conseguenza attraversata da una corrente pari a 0,09A.

Noctua NF-P12

Le ventole Noctua trovano impiego sia come ventole da fissare sui case, sia direttamente sui dissipatori ad aria, siano essi per la CPU o la GPU. La ventola è di dimensioni standard (120x120x25mm) e dotata di cavo tachimetrico con classico connettore a 3 pin. Possiamo notare, nell'immagine seguente, la particolarissima conformazione e sagoma delle pale della ventola. Questo aspetto non è solo un fattore estetico, ma un importante espediente per incrementare le performance della fan.

Noctua NF-P12

Soffermiamoci un istante sul cavo della ventola: è interamente inguainato, fino al connettore a 3 pin (subito prima di esso vi è un pezzo di guaina termorestringente che blocca la guaina sottostante che avvolge il cavo per l'intera lunghezza.

Noctua NF-P12

I gommini per il fissaggio, anch'essi marroni, sono molto elastici e consentono di fissare la ventola al case, sfruttando i quattro fori nativamente presenti, senza troppi sforzi.

Noctua NF-P12

3) Caratteristiche tecniche e installazione

Per installare la ventola, come accennato prima, possiamo ricorrere o alle quattro viti classiche oppure ai quattro gommini inclusi. L'illustrazione seguente spiega facilmente come installare la ventola, nello specifico sulla paratia posteriore del case (quindi in estrazione, come si può notare dalle frecce disegnate lateralmente sul telaio della ventola).

Noctua NF-P12

Le ventole Noctua sono famose per essere tra le più silenziose in commercio. Ma se "a default"risultano ugualmente rumorose alle orecchie di chi vuole silenziosità assoluta, possiamo ulteriormente ridurre gli RPM prodotti mediante due specifici cavi, che inglobano una resistenza; in particolare possiamo sfruttare:

  • il Low-Noise Adapter (L.N.A.), connettore NERO, che riduce la velocità massima a 1100RPM e il rumore massimo prodotto a 16,9dBA;
  • l'Ultra-Low-Noise Adapter (L.N.A.), connettore BLU, che riduce la velocità massima a 900RPM e il rumore massimo prodotto a 12,6dBA. 
Noctua NF-P12

A titolo di paragone, l'udito umano difficilmente percepisce rumori inferiori ai 16dBA; per questo motivo, già l'adattatore L.N.A. risulta ottimale per azzerare la rumorosità della ventola. Nella sezione relativa ai test condotti sul campo, parleremo più nel dettaglio della eventuale rumosità effettivamente prodotta.

Concentriamoci ora sulle caratteristiche tecniche della ventola, che sono forse l'aspetto più importante che collocano questo prodotto nel segmento high-end del mercato.

Iniziamo con l'esaminare il motore della fan, davvero peculiare. Il suo nome, SSO-Bearing, deriva dalla sua caratteristica principale: SSO sta per "Self-stabilising oil-pressure"; tale tecnologia consente di aumentare silenziosità e durata del tempo del motore della ventola, che si dimostra più affidabile e stabile rispetto agli altri tipi di motori (di tipo ball bearing, sleeve bearing o liquid bearing).

Come funziona questo sistema? Il movimento rotatorio dell'asse genera pressione su uno strato d'olio racchiuso all'interno del cuscinetto. Ciò determina la creazione di un campo di pressione dinamica che centra e stabilizza l'asse di rotazione entro i cuscinetti. Mentre i convenzionali cuscinetti a liquido impiegano in maniera marcata il principio della pressione idrodinamica, l'SSO bearing è dotato di un magnete ausiliario che sostiene l'auto stabilizzazione del rotore e del suo asse di rotazione. Ciò consente di ottenere un "centraggio" più accurato del rotore, no soggetto ai minimi spostamenti, in modo da aumentare la stabilità a lungo termine e la silenziosità del cuscinetto.

Normalmente, quando una ventola si avvia, il campo di pressione dinamica del liquido portante è soggetta ad una fase iniziale di stabilizzazione, e ciò si traduce in una precessione (termine fisico che indica il cambiamento della direzione dell'asse di rotazione), ciò che viene anche definito come "effetto giroscopico". Questo processo aumenta l'abrasione dell'asse, almeno fino a quando non è stabilizzato dalla pressione dinamica del fluido, e che potrebbe portare ad un aumento della rumorosità e alla nascita di difetti al cuscinetto. 

Noctua ha quindi voluto evitare questo processo di degenerazione del cuscinetto, dotando le sue ventole della tecnologia SSO che include un magnete, il cui campo magnetico assicura l'immediata auto-stabilizzazione del rotore, e quindi riduce l'effetto giroscopico. In aggiunta alla stabilizzazione durante la fase di start-up della ventola, il supporto magnetico consente  all'asse di centrarsi in maniera più precisa entro il cuscinetto, riducendo la resistenza del cuscinetto stesso, l'abrasione e l'emissione di rumori indesiderati.

Noctua NF-P12

Diamo un'occhiata al grafico seguente, che mostra i vantaggi forniti dal cuscinetto SSO: normalmente, i cuscinetti a doppia sfera o a manicotto generano molto più rumore con l'aumentare del tempo di utilizzo della ventola. Al contrario, il "degrado" dell'SSO Bearing è davvero minimo, e le performance pressochè costanti.

Noctua NF-P12

Oltre al cuscinetto, sono tre i parametri che incidono sulle performance di una ventola: silenziosità, flusso d'aria e pressione statica. Nel grafico "tridimensionale" di seguito riportato, notiamo come la NF-P12 sia lievemente meno silenziosa rispetto alla sorella NF-S12 ma, rispetto a quest'ultima, garantisce una pressione statica, oltre ad un flusso d'aria generato, decisamente maggiore. Le ventole comuni, invece, non sempre trovano il giusto equilibrio tra questi due parametri ed il flusso d'aria prodotto. 

Noctua NF-P12

Ancora tre confronti diretti con la NF-P12 (uno per ognuno dei tre grafici di seguito riportati); in particolare evinciamo che:

  • per quanto concerne la rumorosità prodotta, il range di RPM della NF-P12, oggetto della recensione, varia tra un minimo di 900RPM ed un massimo di 1300RPM; la NF-S12, invece, ruota da un minimo di 600RPM ad un massimo di 1200RPM. Per ogni variazione di RPM, il grafico riporta la relativa rumorosità prodotta. Possiamo notare come la NF-P12 produce al massimo 2dbA in più rispetto alla NF-S12. La differenza di rumorosità è più marcata intorno ai 1000RPM e si riduce moltissimo al raggiungimento dei 1300RPM, velocità massima supportata dalla NF-P12;
  • In termini di flusso d'aria prodotto, la NF-P12 garantisce "metri cubi orari" prodotti che variano linearmente con l'aumento della velocità (RPM). Fino ai 1050RPM circa il flusso d'aria prodotto è leggermente maggiore nella NF-S12, mentre a partire da tale soglia e fino alla velocità massima, la NF-P12 garantisce un flusso d'aria maggiore;
  • ultimo raffronto (ma non ultimo in termini di importanza) la pressione statica: il terzo grafico ci mostra come quella garantita dalla NF-P12 sia nettamente superiore rispetto alla sorella "minore" NF-S12. A parità di RPM, la NF-P12 garantisce infatti una pressione idrostatica superiore, parametro certamente ottimale da tenere in considerazione nella valutazione delle performance di una ventola.
Noctua NF-P12

Interessante il seguente grafico a barre, che mostra il rapporto flusso d'aria / rumore prodotto, che pende a favore della NF-P12 dai 1300 ai 1400RPM. A velocità minori, ha la meglio la NF-S12 (in quanto se il denominatore della frazione, ovvero il rumore, diminuisce, il valore del rapporto aumenta, e ciò corrisponde ad una barra dell'istogramma più alta).

Noctua NF-P12

Il secondo aspetto è il design delle pale della ventola, denominato da Noctua Nine Blade Design. Il tutto si basa sulla conformazione e sul numero di pale (in tutto nove) oltre alle due particolari scalettature realizzate sul bordo di ogni pala.

Noctua NF-P12

Il Nine Blade Design consente di ottimizzare la pressione statica; difatti la lettera P che identifica la nomenclatura della ventola (NF-P12) sta non solo per "power" e "performance", ma anche per "pressure". La ventola è stata progettata per applicazioni ad alta impedenza come ad esempio l'installazione su dissipatori per CPU, radiatori di impianti di raffreddamento a liquido, alimentatori o case con griglie che limitano la portata della ventola. Grazie alla tecnologia Noctua, questa ventola garantisce un'ottima pressione statica e al contempo elevato flusso d'aria a livelli di rumorosità davvero infimi.

Mentre molti rotori convenzionali di ventole da 120mm includono sette pale piuttosto "strette", il design Nine Blade utilizza ben nove pale piuttosto larghe e molto vicine tra loro, con un angolo di installazione relativamente piccolo in modo da garantire un'ottima pressione statica ed elevato flusso d'aria. Come risultato, la NF-P12 è in grado di assicurare non meno di 1.68 mm H2O a 1300RPM, l'equivalente fornito da altre ventole a 1600RPM o più. 

Noctua NF-P12

Come linea di principio, aumentando il numero di pale di una ventola si riduce il rischio di incrementare il rumore aerodinamico ed il rumore causato, in particolare, dall'interazione tra rotore e statore. Solitamente, infatti, un aumento della pressione statica normalmente si traduce in un incremento, direttamente proporzionale, dell'emissione di rumore. Nel caso della NF-P12, invece, questo problema è stato debellato aggiungendo delle apposite tacche di controllo, appositamente smussate e arrotondate, del vortice (Vortex-Control Notches) ad una estremità laterale di ogni pala della ventola. Grazie a queste due tacche realizzate ai bordi, i flussi lungo il lato di aspirazione e pressione si "mixano" in modo più agevole. Ciò si traduce in minor turbolenza e perdità di velocità, ovvero una significativa riduzione della rumorosità nonchè maggior efficienza.

Noctua NF-P12

Oltre a ottimizzare l'unione dei flussi ai bordi, il Vortex-Control Notches assolve il compito della ottimizzazione psicoacustica, in quando suddivide il flusso d'aria in "vortici" più piccoli. Pertanto, il rumore si sviluppa su una vasta gamma di frequenze e quindi percepito in maniera molto meno fastidiosa. Nella slide che segue, un confronto con la scia d'aria presente ai margini delle pale di una ventola classica:

Noctua NF-P12

Inoltre, queste particolari tacche sono "sfasate" da pala a pala in modo che ognuna di esse crei un vortice diverso. Di conseguenza, l'emissione di rumore della ventola si sviluppa su un più vasto spettro di frequenze e, di conseguenza, viene percepito molto meno dall'orecchio umano.

Noctua NF-P12

 

Concludiamo l'analisi delle caratteristiche tecniche con una tabella che ne riassume in breve le principali:

Modello
Noctua NF-P12
Dimensioni
120 x 120 x 25 mm
Cuscinetto
SSO-Bearing
Velocità max di rotazione
1300 RPM
RPM con L.N.A.
1100 RPM
RPM con U.L.N.A.
900 RPM
Flusso d'aria max
92,3 m³/h
Flusso d'aria con L.N.A.78,5 m³/h
Flusso d'aria con U.L.N.A.63,4 m³/h
Rumorosità max.
19,8 dBA
Rumorosità con L.N.A.
16,9 dBA
Rumorosità con U.L.N.A.12,6 dBA
Pressione statica max
1,68 mm H2O
Pressione statica con L.N.A.1,43 mm H2O
Pressione statica con U.L.N.A.1,21 mm H2O
Potenza in input
1,08 W
Corrente
0,09 A
Tensione max di alimentazione
12 V
Mean Time Between Failure
> 150.000 ore
Peculiarità
  • Ultra-Low-Noise-Adaptor (U.L.N.A.)
  • Low-Noise-Adaptor (L.N.A.)
  • 4 gommini antivibrazione
  • Adattatore 3pin --> 4 pin
  • 4 viti di fissaggio
Garanzia
6 anni


4) Test condotti 

Si è voluto testare le potenzialità di questa ventola sia comparandola con una ventola estremamente "veloce" e rumorosa (una Nanoxia FX-12 2000) sia con una ventola molto silenziosa dalla portata d'aria prossima ai 1500RPM. Lo scopo di questa scelta? Verificare se effettivamente "gli RPM non sono quelli che contano".

Ed effettivamente il riscontro a questa affermazione lo si ha eccome: osservando i test condotti, sia in idle che in full load, la Noctua performa decisamente meglio della Nanoxia FX-12 2000 e della ventola Gelid Silent 12TC. Utilizzando l'L.N.A. o l'U.L.N.A. le perdite di performance sono davvero irrisorie, così come la riduzione della rumorosità: il seppur minimo, quasi impercettibile, rumore prodotto dalla Noctua NF-P12 senza riduttori è totalmente azzerato mediante i due adattatori. Ottima, in ogni caso, la portata d'aria percepita.

Idle

(Intel C2D E6700 @default)
FAN
Core0
Core1
Nanoxia FX-12 200036
37
Gelid Silent 12TC
39
40
Noctua NF-P12
36
37
Noctua NF-P12 + L.N.A.
36
37
Noctua NF-P12 + U.L.N.A.
37
38

 

Full Load

(Intel C2D E6700 @default)
FAN
Core0
Core1
Nanoxia FX-12 200047
47
Gelid Silent 12TC
51
51
Noctua NF-P12
47
47
Noctua NF-P12 + L.N.A.
48
48
Noctua NF-P12 + U.L.N.A.
48
49

5) Considerazioni finali e conclusioni

La Noctua NF-P12 si rivela non solo un'ottima ventola sotto il profilo della qualità costruttiva, ma offre portata d'aria ed una pressione idrostatica davvero eccellenti, tanto da performare, all'atto pratico, tanto quanto una ventola da 2000RPM.

Il costo del prodotto, variabile tra i 20€ ed i 30€, risulta in larga parte giustificato dalle peculiarità della ventola stessa. Innumerevoli le applicazioni, mediante soluzioni efficienti, delle teorie fisiche della fluidodinamica, atte a migliorare pressione statica e portata d'aria, riducendo di molto l'usura della ventola e la rumorosità prodotta, oltre al degrado derivante dal suo utilizzo. Per questa serie di motiv, la Noctua NF-P12 si rivela un ottimo acquisto, una scelta definitiva per dissipare correttamente l'heatsink della CPU o per creare un ottimale ricircolo d'aria all'interno del case.

Il costo sopportato inizialmente all'acquisto rappresenta sicuramente un investimento per il futuro, in quanto la "speranza di vita" di questo prodotto è ben sopra la media. Tra l'altro Noctua la garantisce per ben 6 anni...

Per questa serie di motivi, InformaticaEasy attribuisce alla Noctua NF-P12 il massimo punteggio:

award
Commenti (4)add comment
0
Sergio: ...
Quale dissipatore hai usato per condurre il test della ventola Vs Nanoxia?

Ciao e grazie.
1

giugno 20, 2009
62
admin: ...
Ciao,
ho usato il Noctua NH-C12P smilies/smiley.gif
2

giugno 20, 2009
0
Sergio: ...
Ciao, gradirei una tua opinione. Vorrei acquistare un dissipatore per un Q6600 G0 overcloccato a 3.6ghz, daily, con Vcore 1.45

La mia scelta era ricaduta sul TRUE black. Ho però dei dubbi, troppo spesso ho letto di persone che a causa di una base eccessivamente convessa hanno dovuto lappare ed a causa del sistema di ancoraggio poco afficace (molti dicono che il dissi "si muove,ruota..") hanno dovuto adottare "penny mod" varie.. insomma, dato che il dissipatore non è proprio economico, tutti questi accorgimenti sono realmente necessari?

In più, quali ventole monteresti sul TRUE in configurazione push-pull?

Le Nanoxia FX-12 2000 a massimo regime sono molto rumorose?

Le NF-P12 sarebbero la scelta migliore? (Dalla tua comparativa così appare, ugualmente efficaci ma molto più silenziose, per via del particolare design e del ridotto num di rpm, circa 700 in meno)

Ciao e grazie
3

giugno 21, 2009
62
admin: ...
Ciao Sergio,
se "vuoi spendere" due NF-P12 sul TRUE sono davvero ottime, soprattutto se hai un case areato. Le Nanoxia 2000 sono anch'esse molto potenti, tuttavia molto rumorose @ 2000 RPM. Solitamente su Q6600 G0 non è necessario lappare la base del dissipatore, tuttavia è un'operazione che potrebbe rendersi necessaria nel caso in cui il contatto non fosse ottimale e, di conseguenza, le temperature fossero troppo elevate.
4

giugno 22, 2009

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.