Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

DFI LanParty DK P45-T3RSB PLUS, un mostro da overclock - 4) Sistema di dissipazione
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Lunedì 23 Febbraio 2009 07:05
Indice
DFI LanParty DK P45-T3RSB PLUS, un mostro da overclock
1) Introduzione
2) Confezione
3) La motherboard da vicino
4) Sistema di dissipazione
5) Caratteristiche tecniche e chipset
6) Il BIOS
7) Prova sul campo, overclock
8) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

L'efficace sistema di dissipazione passivo può essere suddiviso essenzialmente in due parti: quello che si occupa della dissipazione di northbridge e sezione di alimentazione, e quello che raffredda il southbridge. Il sistema di dissipazione è molto efficiente in quanto garantisce un'elevata superficie dissipante ed è stato realizzato da DFI con la collaborazione di Thermalright, che produce dissipatori ad aria "per professione".

DFI DK P45-T3RSB PLUS

Particolarissimo è il primo, che si affida ad un elegante e grande dissipatore lamellare e in alluminio per il northbridge termicamente connesso con i due dissipatori della sezione di alimentazione della CPU mediante due heatpipe (una per ogni dissipatore della sezione di alimentazione).

DFI DK P45-T3RSB PLUS

Il dissipatore per il northbridge è stato finemente lavorato in modo da sfruttare la maggior superficie dissipante possibile. Il colore nero e la scritta bianca su sfondo rosso LanParty contribuiscono a dare un tocco di eleganza e originalità al dissipatore.

DFI DK P45-T3RSB PLUS

Le scanalature realizzate sono maggiormente apprezzabili osservando il dissipatore di lato: dodici i solchi intermedi, che si incrociano con i cinque ad essi diametralmente perpendicolari. L'efficienza del dissipatore può essere ulteriormente incrementata mediante l'utilizzo di una piccola ventola installata su di esso.

DFI DK P45-T3RSB PLUS

Il dissipatore nero del northbridge, come si nota dalla foto sottostante, aderisce su un blocco in alluminio sottostante. In realtà è quest'ultimo a diretto contatto con il die del P45 e con le due heatpipe. Proprio per questo motivo, è possibile rimuovere il dissipatore nero sovrastante e sostituirlo eventualmente con un altro più performante senza dover "accedere" al core del northbridge, che resterà sempre coperto dalla piastra in alluminio sottostante.

DFI DK P45-T3RSB PLUS

Osservando l'immagine seguente, invece, notiamo come ai quattro lati del dissipatore siano stati realizzati quattro piccoli fori, grazie ai quali l'eventuale ventola da installare sul dissipatore può essere facilmente e saldamente ancorata ad esso.

DFI DK P45-T3RSB PLUS

I due dissipatori per la sezione di alimentazione della CPU sono stati realizzati e conformati in modo da sfruttare al massimo lo spazio a loro disposizione, e non saranno di intralcio neppure ai dissipatori per la CPU particolarmente ingombranti.

DFI DK P45-T3RSB PLUS
 
DFI DK P45-T3RSB PLUS
 
Più compatto invece il dissipatore del southbridge: l'ICH10, in fondo, scalda molto meno rispetto al northbridge e, contrariamente a quest'ultimo, il calore generato raramente aumenta di molto con l'overclock. Quest'ultimo dissipatore è fissato al PCB della scheda madre mediante due clip a molla, che esercitano la giusta pressione.
 
DFI DK P45-T3RSB PLUS

Terminata l'analisi del sistema di dissipazione, passiamo in rassegna le caratteristiche prettamente tecniche della DK p45-T3RSB PLUS e in particolare del northbridge che integra.

DFI DK P45-T3RSB PLUS



Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.