chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!




Visits counters

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi683
mod_vvisit_counterIeri1930
mod_vvisit_counterQuesta settimana2613
mod_vvisit_counterScorsa settimana17183
mod_vvisit_counterQuesto mese49938
mod_vvisit_counterScorso mese89882
mod_vvisit_counterGlobali5808569

Siti Amici

Silicon Power SSD V20 60GB: prestazioni incontenibili, prezzo imbattibile

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Indice
Silicon Power SSD V20 60GB: prestazioni incontenibili, prezzo imbattibile
1) Introduzione
2) Confezione e contenuto
3) L'SSD Silicon Power V20 60GB da vicino
4) Microelettronica: analisi del PCB. Controller e NAND Flash
5) Caratteristiche e specifiche tecniche
6) TEST - HD Tune Pro
7) TEST - ATTO Disk Benchmark
8) TEST - Everest Disk Benchmark
9) TEST - HD Tach
10) TEST - CrystalDiskMark
11) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

Silicon Power SSD V20 60GB

Prestazioni da vendere, un continuo impeto di forza e prestanza che si riversa sull'SATA 2 quasi saturandola. Un drive SSD, il Silicon Power V20 da 60GB, che offre performance robuste ed eccelse, componentistica di qualità, prezzo accessibile e viene per voi recensito su InformaticaEasy.net.


Provate a digitare su Google Italia "Silicon Power SSD" e ritroverete, come quarto risultato, una recensione di InformaticaEasy. Che, parlando dello scenario SSD, può forse definirsi una delle prime pietre miliari delle review nell'ambito italiano per questo tipo di dispositivi hardware.

Era infatti l'ormai lontano Gennaio 2009 quando ancora gli SSD rappresentavano una tecnologia ai più sconosciuta, costosa e inaccessibile sotto diversi punti di vista e, grazie alla collaborazione di uno shop europeo, sono riuscito a recensire degli esemplari a quel tempo piuttosto rari ed esosi. In particolare, un confronto tra due SSD Solicon Power ed uno targato Memoright. Potete trovare l'articolo a QUESTO link.

E' bene, forse, non chiudere la tab del browser che avrete appena aperto, confrontandone il contenuto di quell'articolo con questa recensione, in modo da capire come, in circa due anni e mezzo, l'evoluzione degli SSD abbia avuto delle vicissitudini a dir poco singolari. Una tecnologia così in rapida evoluzione che è riuscita, in poco tempo, ad affermarsi enormemente, a vedere ridotti sensibilmente i prezzi di acquisto ed innalzata in maniera altrettanto brusca l'asticella delle performance.

Silicon Power torna a far parlare di sè nel mercato SSD, e stavolta non più come timido tester di una tecnologia poco matura come all'epoca, ma come affermato e convinto produttore di dispositivi per la memorizzazione di massa a stato solido basati su componentistica hardware di qualità e affidabilità elevatissime, arricchendo addirittura il proprio sito web di un sottodominio tutto dedicato alla tecnologia SSD in modo da comprenderla meglio dal punto di vista dell'utente finale.

Silicon Power SSD V20 60GB

L'Azienda, dal nome completo <<Silicon Power Computer & Communications>>, è stata fondata nel 2003 da un gruppo di appassionati specialisti nel business internazionale, del marketing globale e ingegneria tecnica inquadrabile nell'ambito delle industrie dell'archiviazione di dati su tecnologia flash. Ad oggi è un'Azienda che vende molto bene in più di 100 Paesi e si rivolge a milioni di utenti, affermandosi a livello worldwide nel contesto della produzione di schede di memoria flash, drive flash USB, lettori di memoria, moduli DRAM, dischi a stato solido e hard disk portatili in meno di dieci anni. Con quartier generale a Taipei, è in costante ampliamento fondando nuove filiali in diversi Paesi tra cui Paesi Bassi, Giappone, Russia, Cina ed altri mercati emergenti.

E' dalla seconda metà della prima decade degli anni 2000 che Silicon Power inizia un'ascesa repentina: nel 2006, si è vista ricevere il riconoscimento Taiwan Rising Star per gli ottimi progressi nel business estero, mentre nel 2008 è il turno di un secondo award, il diciassettesimo National Outstanding Small & Medium Enterprise Award per l'elevatissimo progresso raggiunto. Non sono mancati importanti riconoscimenti attribuiti durante la fiera internazionale dell'elettronica di Taipei, il Computex, in ogni anno a partire dal 2009.

Non solo targhette da esporre in ufficio ma anche risultati più concreti dal punto di vista strettamente remunerativo: secondo un sondaggio condotto da una autorevole rivista sulle 1000 più importanti Aziende taiwanesi, il tasso di crescita dei ricavi del 2009 per Silicon Power si è classificato undicesimo in questa classifica, mentre ha conquistato il primo posto nell'ambito dell'industria dei semiconduttori.

 

Ebbene, riconducendo il discorso prettamente a questa recensione, devo dire che le cose sono davvero cambiate rispetto a quel <<primordiale>> articolo del 2009 su degli SSD Silicon Power da <<ben>> 16GB e 32GB. A quel tempo dovetti affidarmi allla collaborazione di uno shop svizzero che temporaneamente, in cambio di opportuna pubblicità, mi forniva temporaneamente i prodotti oggetto del test.

Nel 2011 è stata invece, con mia grande sorpresa ed entusiasmo, la stessa Silicon Power a contattarmi personalmente attraverso InformaticaEasy.net proponendomi la recensione di una nuova linea di drive SSD che ha bisogno di farsi conoscere al meglio nel mercato dei drive a stato solido.

Entusiasta di questa opportunità, ho accettato immediatamente e constatato che, la recensione che sto per offrirvi, è davvero una delle primissime al mondo riguardanti proprio la nuova linea di modelli ad elevate prestazioni che la Silicon Power ha da offrire in questo momento.

Si tratta infatti di un'unità che, sebbene SATA2, è davvero capace di mandare in tilt la banda massima garantita dal protocollo (o interfaccia, che dir si voglia). Ammetto che dando per la prima volta un'occhiata alla confezione di questo drive e leggendo le velocità garantite in scrittura e lettura ho pensato che non vi fosse altra soluzione se non risvegliare dal torpore di inutilizzo il controller SATA 3 della mia scheda madre. Eppure, non ce n'è stato bisogno. Con positiva sorpresa.

In questo articolo parliamo della nuova serie Silicon Power SSD V20, che include infatti Solid State Drive in capacità variabili e tutti in grado di offrire eccezionali prestazioni, ad un prezzo decisamente contenuto, sempre su SATA 2. La lettera "V" non è scelta a caso: Silicon Power afferma che tale serie è inquadrabile nei modelli High Performance, e difatti "V" significa appunto "Velox".

Un velociraptor con i transistor pulsanti e componentistica hardware di livello elevato per gli standard SSD attuali. Questo è Silicon Power SSD V20 da 60GB che ho il piacere di mostrarvi, corredato da innumerevoli test (anche e soprattutto comparativi) in questa recensione. E che, ironia della sorte, si vede confrontato anche con quei famosi modelli "preistorici" di cui poc'anzi vi accennavo...


Meno "rosso acceso" che in passato per loghi ed etichette lasciano posto ad un nero più elegante con tenaci scritte dorate. Frontalmente sulla confezione in cartone un'apertura trasparente permette di scorgere l'unità SSD che contiene, una scritta "Hi-Speed" rende le dita impazienti di provare l'unità, infine la scritta V20 ne conferma l'appartenenza alla serie high performance Velox. Giriamo la scatola e sul retro noteremo le principali caratteristiche tecniche e qualche dettaglio in più. Informazioni che vi sarà dato di sapere solo dopo aver letto un po' oltre. Scherzi a parte, proseguiamo con il disimballaggio! ;)

Silicon Power SSD V20 60GB

Se in Cina provate ad acquistare un prodotto, soprattutto elettronica digitale nell'ambito delle reflex consumer, i rivenditori vi chiederanno se volete il prodotto "Made in China" oppure "Made in Taiwan" (e talvolta l'alternativa proposta è rappresentata dal Giappone). Inutile dire che far ricadere la scelta tra la seconda e la terza opzione innalzerà i prezzi ma anche la qualità, persino a parità di modello di un prodotto di una determinata marca!

Silicon Power non lascia spazio ad ambiguità: l'etichetta reca espressamente la scritta <<Made in Taiwan>>. Fatto in casa, come si suol dire, no?

Silicon Power SSD V20 60GB

Disfiamoci dell'involucro esterno per scendere più nel dettaglio. L'unità, insieme a tutto il contenuto della confezione, è racchiusa in un secondo imballaggio in plastica trasparente con coperchio superiore. Via anche questo involucro per vederci chiaro su ciò che abbiamo tra le mani...

Silicon Power SSD V20 60GB

Ecco infine il contenuto della confezione: l'SSD V20 non è solo; oltre al drive abbiamo a disposizione un manuale rapido per l'installazione nonchè una staffa metallica che funge da adattatore per alloggiamenti hard disk conformi ai 3,5 pollici.

Silicon Power SSD V20 60GB

Due set di viti permettono infine di installare l'SSD alla piastra metallica e quest'ultima allo chassis del nostro PC desktop. Accessorio che metteremo invece da parte nel caso in cui il nostro case sia già provvisto di alloggiamenti per SSD (ovvero da 2.5 pollici) oppure se pensiamo di riporre l'unità in un PC o Mac portatili che dir si voglia.

Silicon Power SSD V20 60GB


Avrete già avuto modo di notare dalle prime foto fatte alla confezione che il device pervenutomi per questa recensione è il modello che offre 60GB di capacità. E' riportato proprio sull'etichetta affissa sul case del drive che qui vi mostro in diversi scatti fotografici.

Silicon Power SSD V20 60GB

Come al solito quando trattiamo su InformaticaEasy.net un SSD non ci fermiamo all'esterno ma abbiamo bisogno di visionare anche l'elettronica interna. Tuttavia iniziamo col dare un'occhiata al box che si rivela essere in alluminio, piuttosto leggero e verniciato in nero opaco. Opportuni fori realizzati lateralmente ne consentono il fissaggio all'adattatore metallico di cui ho accennato poc'anzi.

Silicon Power SSD V20 60GB

Foto fronte-retro dell'unità: il Silicon Power ha un form factor davvero classico, i solidi due pollici e mezzo di diagonale. Che ne assicurano la massima compatibilità con qualunque alloggiamento per dischi caratterizzati da queste dimensioni.

Silicon Power SSD V20 60GB

Classica anche la posizione dei connettori che interfacciano l'unità con il mondo esterno: SATA dati (nella foto seguente, il connettore più a sinistra) ed SATA alimentazione (presente invece sulla destra).

Silicon Power SSD V20 60GB

Aprire l'unità vi costerà la garanzia. Ma è me non è costato nulla e quindi mi permetto di farlo. Sono in vena di scherzi, lo so, ma cerco di essere spedito per cercare di guidarvi verso gli aspetti più interessanti di questa recensione che meritano però un po' di pregustata attesa e sono riportati tra poche pagine =)

Silicon Power SSD V20 60GB

Rompiamo dunque il sigillo, ed accediamo ai gioielli della roccaforte...


Quattro viti da rimuovere per disaccoppiare la scocca e dare un'occhiata alla scheda stampata che nasconde ciò che questa unità ha in realtà da mostrare più di ogni altra cosa: l'hardware che contiene. Nessun produttore SSD al momento offre un disco con finestrella sulla scocca per osservarne l'elettronica durante il funzionamento. Persino ai fanatici credo basti usare il drive per goderne appieno le prestazioni, certi fanatistmi lasciamo alle unità a piatti rotanti -vedi VelociRaptor di Western Digital-.

Silicon Power SSD V20 60GB

Bene, arrivato a questo punto di una recensione come questa sono sempre combattuto sull'ordine delle sezioni: prima questa oppure farla seguire a quella sulle caratteristiche tecniche principali dell'unità? Si tratta sicuramente di due aspetti che vanno a nozze ed estremamente complementari, tuttavia questo drive mi permette di sfruttare l'opportunità di parlarvi da vicino di un componente elettronico (che integra) che merita davvero menzione a grande voce. E quindi dovrete quindi cedere il passo ad un'analisi più microelettronica. Da (aspirante) Ingegnere Elettronico, non posso che concordare...

A differenza delle unità che finora ho testato (e sono decisamente tante), questo SSD ha la particolarità di avere il PCB avvitato ad una delle due parti che compongono l'involucro esterno in metallo. Aprendo quest'ultimo, dunque, troveremo il PCB ancora ancorato ad una delle due parti. Questi drive solitamente presentano invece una scheda elettronica completamente svincolata e tenuta nel mezzo solamente da leggere pressioni esercitate dalla scocca chiusa. Un piccolo accorgimento, quello adottato invece da Silicon Power, che rende sicuramente l'intera struttura più omogenea, robusta e resistente alle vibrazioni.

Silicon Power SSD V20 60GB

Ecco la scheda stampata nella sua nudità; dopo una foto più artistica, un classico scatto panoramico fronte-retro:

Silicon Power SSD V20 60GB

Controller e memorie flash sono ben visibili, ma cerchiamo di zoomare su ciascun componente più nel dettaglio. Iniziamo con il controller, che è il circuito integrato di cui volevo parlarvi più che di qualunque altra cosa. E' un componente non solo primario per ogni SSD, ma anche interessante da scoprire se ci riferiamo in particolare a questo Silicon Power SSD V20. Si tratta infatti di un magnifico SandForce SF-1222. Eccolo, in questo scatto.

Silicon Power SSD V20 60GB

Estri fotografici a parte, è bene soffermarsi non poco su questo componente, che gioca un ruolo di primaria importanza nel conferire le reali specifiche di funzionamento e prestazioni garantite dall'unità su cui è installato.

Questo SSD utilizza un controller SandForce che è al momento molto popolare, e promette a prezzi piuttosto accessibili prestazioni eccezionali. L'SF-1222 del Silicon Power appartiene infatti alla famiglia SF-1200 di SandForce, processori SSD single-chip con tecnologia DuraClass per assicurare longevità operativa, prestazioni e bassi consumi.

La tecnologia DuraWrite è un algoritmo implementato da SandForce a livello controller che contrasta i crescenti problemi relativi alla longevità e affidabilità delle celle di memorie flash, aspetti sempre più critici con bruschi die-shrink (vale a dire sensibili riduzioni del processo produttivo, ovvero della dimensione del singolo transistore MOS). DuraWrite promette di estendere l'aspettativa di vita di un SSD rispetto ai controller tradizionali, ottimizzando le scrittura nella memoria flash e garantendo un parametro di write amplification al di sotto del valore ordinario, senza richiedere requisiti particolari nei riguardi di una cache DRAM.

Il microprocessore SSD SF-1200 offre protezione dei dati con codice ECC (codice di correzione degli errori) ed include la tecnologia SandForce RAISE (Redundant Array of Independent Silicon Elements) che offre protezione e affidabilità di un RAID in un singolo drive SSD, grazie all'architettura flash, senza apportare un significato write overhead di parità. La tecnologia DuraClass, inoltre, archivia i dati automaticamente in formato criptato AES-128, prevenendo una estrazione dei dati direttamente dai moduli fisici di memoria NAND flash.

  • SSD Processor: SF-1200
  • Supported Flash Classes: SLC/MLC 50nm, 40nm, 30nm;
  • Flash Interface: Asynch, ONFi1 (up to 50MT);
  • ECC Protection: Up to 24 bits/512B;
  • Security: AES-128;
  • Package: 361-Pin TFBGA (13x13 @ 0.65mm);
  • Host Interface: SATA 2.6 Compliant (3Gb/s and 1.5Gb/s support), Native Command Queuing (up to 32 commands), SMART Command Transport;
  • Max Capacity Supported: 512GB;
  • Performance:
    Sequential Read Transfer: Up to 260MB/s (@128K blocks);
    Sequential Write Transfer: Up to 260MB/s (@128K blocks);
    Random Read IOPS: 30,000 (@4K blocks);
    Random Write IOPS: 30,000 burst/10,000 sustained (@4K blocks);
  • Flash Memory Support: MLC from major vendors; SLC up to 64GB of total capacity;
  • Power Consumption: Typical: 900mW; Sleep/Slumber: 90mW;
  • Protection: ECC Recovery (Up to 24 bytes correctable per 512-byte sector); Unrecoverable Read Errors: less than 1 sector per 1016 bits read;
  • Reliability: MTTF: 2,000,000 operating hours; Supports 5-year customer life cycle;
  • Operating Temperature: 0°C to 70°C ambient;
  • Package: 361-Pin TFBGA – 13x13mm, 0.65mm pitch;
  • Compliance: RoHS, Halogen-Free, Green;
  • DuraClass Technology:
    DuraWrite extends the endurance of SSDs;
    Intelligent Block Management & Wear Leveling;
    Intelligent Read Management;
    Intelligent “Recycling” for advanced free space management (Garbage Collection);
    RAISE (Redundant Array of Independent Silicon Elements);
    Best-in-Class ECC protection for longest data retention and drive life;
    Power/Performance Balancing.

La più recente evoluzione di tale controller è rappresentata dalla variante SF-2100, che assicura prestazioni simili ma vede raddoppiare le prestazioni in termini di IOPS. In più, è stato aggiunto il supporto alle flash da 20 nm.

 

A proposito di memorie NAND flash, passiamo ad analizzare quelle che questa unità ha da offrirci. Il PCB include 16 chip flash, 8 per lato. Considerando che la capacità offerta è pari a 60GB, avremmo a disposizione 3,75GB offerti da ogni cella.

I dati non tornano, vero? E' risaputo che in informatica difficilmente abbiamo a che fare con valori che non siano in qualche modo potenze (più o meno grandi) di 2. La risposta a questa incongruenza è la tecnica di overprovisioning. In realtà potremo aspettarci che ogni chip contenga in realtà 4GB ma che tale tecnica abbia celato 4GB di capacità.

Silicon Power SSD V20 60GB

La lettera "i" su ogni chip ci informa che abbiamo a che fare con dei moduli di memoria Intel, e questo non può che farci piacere. Si tratta di moduli flash NAND basati sui classici FG-MOSFET transistor di tipo multi-layer cell. Serial number Intel 29F32G08AAMDB, uniti in matrimonio con il controller SandForce SF-1200.

Praticamente impossibile reperire un datasheet approfondito su questi chip di memoria. Ci basti sapere che si tratta di chip di memoria flash convenzionale e che il brand Intel è garanzia di prestazioni di tutto rispetto. E in effetti, come vedremo a breve, il controller è continuamente sollazzato da prestazioni incontenibili di questi chip, che cercano di spingere il SandForce sempre al massimo delle sue potenzialità e prestazioni offerte. Osservando tra poco i risultati dei test condotti, noteremo come paradossalmente le prestazioni massime dell'unità siano in realtà praticamente quelle massime assicurate da questo controller SandForce, con qualche piacevole picco persino superiore.

E' bene ricordare che in questo tipo di drive, e soprattutto quando parliamo di processi produttivi così "tirati", l'overprovisioning è presente eccome, e pari a diversi punti percentuale rispetto alla capacità massima teoricamente disponibile (ma non completamente sfruttata)!


Ricomponiamo l'SSD perchè è giunto il momento di collegarlo al PC e testarlo a fondo. Un drive, questo, che come praticamente tutti gli SSD SATA non necessita di particolari attenzioni per quanto riguarda il corretto riconoscimento una volta connesso alla scheda madre del nostro computer: il BIOS lo rileva correttamente. Nello specifico, il Silicon Power è riconosciuto come "SPCC Solid State Disk130", con possibilità di abilitare la tecnologia SMART:

Silicon Power SSD V20 60GB

Sono quattro le peculiarità che Silicon Power vuole evidenziare per questa unità SSD V20. Innanzitutto il brusco incremento di prestazioni rispetto ad SSD convenzionali e soprattutto rispetto ai dischi a piatti rotanti. Non manca il supporto ai comandi TRIM e al GC, una dovuta menzione al controller SandForce e una citazione all'adattatore da 3,5 pollici incluso.

Silicon Power SSD V20 60GB

La serie V20 degli SSD Silicon power si compone di diversi modelli con tagli differenti: precisamente 40GB, 60GB, 120GB, 240GB e persino 480GB. Sicuramente la versione da quasi mezzo Terabyte non è di sicuro la più popolare a causa di un prezzo di vendita sicuramente molto elevato, forse per questo il relativo Part Number non viene menzionato nella tabella che indica i numeri seriali dei restanti modelli:

Silicon Power SSD V20 60GB

In realtà, da pochissimo qualunque menzione al modello da 480GB è stata rimossa dal sito di Silicon Power. Evidentemente si tratta di un modello disponibile solo su ordinazione.

Ecco le specifiche tecniche principali delle unità Silicon Power SSD V20:

  • Transfer rate: lettura massima 285MB/s; scrittura massima 275MB/s;
  • Supporto a comandi TRIM;
  • Criptaggio AES-128;
  • Capacità disponibili: 40GB/60GB/120GB/240GB;
  • Conforme all'interfaccia SATA e al form factor 2.5'';
  • Staffa adattatore 3.5'' inclusa;
  • ECC integrato a garanzia di maggiore affidabilità dei dati;
  • Tecnologia Wear-Levelling per estendere la durata delle celle flash;
  • Conforme alle direttive europee RoHS;
  • Elevata resistenza a vibrazioni (20G peak-to-peak max) e urti (1500G Max);
  • Completa silenziosità operativa, assenza di errori di seek e delay di latenze;
  • Tensione operativa: 4.5V~5.5V;
  • Dimensioni: 100x 69.85 x 9.4mm;
  • Peso: 70g;
  • Garanzia: 3 anni.

Con HD Tune Pro, che continueremo ad usare intensamente per gran parte dei benchmark condotti su questa unità SSD, possiamo rilevare il supporto ad alcune feature: tra di esse, meritano menzione la tecnologia SMART, gli indirizzi a 48 bit, l'aggiornabilità del firmware, la gestione dell'alimentazione, il supporto SATA NCQ nativo e quello ai comandi TRIM. Trattandosi di un SSD, i parametri "Average speed" ed "RPM" non sono riportati correttamente, in quanto difformi (il primo) ed incoerenti (il secondo). Curioso il serial number di questa unità: a giudicare dal numero progressivo, pare mi sia capitato uno dei primissimi modelli lucenti di fabbrica! =)

Silicon Power SSD V20 60GB


Apriamo nuovamente HD Tune Pro per dare il via ai vari benchmark test che condurremo su questo Silicon Power. Come vedremo a breve, in alcuni (ma pochi) test i risultati ottenuti sono sotto le aspettative, ma trattandosi di casi limitatissimi e di poche voci fuori da un coro che all'unisono ricalca invece le prestazioni dichiarate, diamo assolutamente poca importanza a tali discrepanze identificabili spesso come lacune nel software anzichè nell'unità.

Il primo test riguarda la velocità di lettura sequenziale con HD Tune, che rileva in questo scenario transfer rate pari circa a 245 MB/s dopo un assestamento iniziale che parte, per pochissime celle di memoria, da 100 MB/s circa.

Silicon Power SSD V20 60GB

In una comparativa con le altre unità recensite in passato su InformaticaEasy.net, questo Silicon Power è quello che performa meglio in questo test:

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Test simile, ma stavolta riferito alla velocità in scrittura sequenziale. Qui HD Tune rileva picchi e meno costanza in termini di transfer rate che comunque raggiungono i 242 MB/s circa come picchi massimi.

Silicon Power SSD V20 60GB

Anche in questo caso, praticamente primo posto nella comparativa con altre unità:

Silicon Power SSD V20 60GB

Finora però, forse i meno attenti non avranno notato un parametro interessantissimo: il tempo d'accesso. Quest'ultimo, rilevato sempre con HD Tune, è estremamente basso. Date un'occhiata nuovamente al primo screenshot di questa pagina e noterete un mirabolante valore pari a 0,038 millisecondi! Un terzo rispetto ai chip NAND flash abituali! La firma di Intel su questi chip inizia a farsi sentire...

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Nel test del random access di HD Tune che misura gli IOPS in lettura l'unità è ancora una volta la prima in assoluto in termini di prestazioni assicurate, se comparata a drive SSD SATA2 di buona qualità.

Silicon Power SSD V20 60GB

Questo grafico parla chiaro: anche stavolta, infatti, la curva del Silicon Power V20 (che in questo caso è di colore rosa) sovrasta tutte le altre. Merito delle velocità di trasferimento che ora iniziano finalmente ad innalzarsi e ad essere rilevate come si deve: al momento, 262 MB/s il picco massimo, in abbinamento a transfer size da 1 MB, che assicurano quindi per facile divisione per 1 praticamente 262 IOPS in questo scenario. Ma lo scenario più splendido in assoluto è rappresentato dai 4KB, valore sicuramente più importante per un sistema operativo: questa unità è una delle pochissime che assicura un numero di IOPS elevatissimo e quasi identico a quello assicurato in accoppiata a pacchetti dati da 512 byte. Mai accaduto finora con altri SSD che ho testato in precedenza:

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Nel test del random access di HD Tune che misura gli IOPS in scrttura, questo Silicon Power continua a regalare piacevoli sorprese. Sono di nuovo i 4KB a fare da padroni e a rivelare risultati in termini di numeri di I/O al secondo davvero elevatissimi.

Silicon Power SSD V20 60GB

Peccato per i 512 byte, in cui l'unità desiste un po', in ogni caso in qualunque altro scenario non c'è SSD che tenga tra quelli riportati nel grafico seguente. La curva rosa ancora una volta domina alla grande...

Silicon Power SSD V20 60GB

 

E' tuttavia il test File Benchmark di HD Tune che inizia a mostrarci velocità più concrete, prossime ai 270 MB/s circa in lettura e 265 MB/s in scrittura.

Silicon Power SSD V20 60GB


ATTO Disk Benchmark svolge un ruolo di benching simile all'ultimo test di HD Tune riportato nella pagina precedente, ma con risultati molto più sbalorditivi. Qui arriviamo infatti a sfiorare i 280 MB/s in lettura ed i 270 MB/s in scrittura. Decisamente valori molto elevati, prossimi a quelli dichiarati dall'Azienda e praticamente al limite per quanto riguarda le capacità del SandForce nonchè dell'interfaccia SATA 2 stessa!

Silicon Power SSD V20 60GB


E' ora il turno dell'Everest Disk Benchmark, una suite completa di tool per l'analisi prestazionale di hard disk ed SSD sotto diversi punti di vista. Inutile soffermarsi con i commenti su ogni singolo sotto-test: i risultati riportati parlano da sè e basta solo ricordare che ancora una volta, in tutti i grafci comparativi, è praticamenter sempre quest'unità Silicon Power ad avere la meglio!

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB

 

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB


Una rapida "benchata" con HD Tach 3 come ulteriore conferma dell'ordine di grandezza su cui si attesta la velocità in lettura, molto elevata così come quella di burst.

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB


CrystalDiskMark, invece, proprio non digerisce questo controller. Le velocità seruquenziali e 512K rilevate sono infatti del tutto irrealistiche e assolutamente difformi da tutti gli altri test condotti. In ogni caso, aspetti fuorvianti a parte, ci serviamo di questo software per evidenziarne invece un altro decisamente interessante: osservate le performance sui 4K: se in lettura il dato è molto buono, in scrittura è elevatissimo e superiore, in media, fino a 5 volte in più rispetto ai convenzionali SSD.

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB

Silicon Power SSD V20 60GB


Dopo dei primissimi tentativi e test preliminari di ingresso nel mercato SSD, con buoni risultati per quel 2009 che parlando di tecnologia a stato solido sembra ormai essere sin troppo remoto, e dopo qualche periodo di riassestamento decisionale su quale strategia perseguire, Silicon Power è nuovamente emersa, e stavolta con tenacia e vigore, in un mercato ormai estremamente concorrenziale. Con due linee di prodotti a stato solido, una mainstream ed una high-performance.

Con InformaticaEasy.net avete avuto un assaggio di un modello appartenente a quest'ultima categoria, in particolare il Silicon Power V20 60GB, che ha avuto modo di presentarsi con un bigliettino da visita munito di controller SandForce all'avanguardia, memorie flash Intel di primissima qualità e prestazioni offerte, nonchè numero di IOPS ma anche transfer rate "puri" davvero elevatissimi.

E' davvero magnifico vedere come, praticamente in ogni test condotto, questo SSD assicuri prestazioni sempre superiori a tutte le altre unità che ho avuto modo di testare e recensire personalmente finora. Non un'incertezza ma sempre e comunque performance elevatissime, senza ambiguità nè stuttering di sorta.

Con così tanti assi nella manica, da un drive di questa tipologia ci si potrebbe aspettare un costo esorbitante, eppure non è così. Silicon Power ci stupisce positivamente anche in questo. Al momento della stesura di questo articolo, infatti, in Italia questa unità è acquistabile online ad un prezzo variabile ma comunque sempre inferiore ai 150€; addirittura se parliamo di dollari riusciamo ad ottenerla per 120$ o meno, il che significa meno di 90€ cambio attuale alla mano!

Prezzo estremamente competitivo, con un ratio performance/costo da primato e 3 anni di garanzia limitata a chiudere la parentesi dell'aspetto commerciale per l'acquirente di questo prodotto.

5 stelle su 5 tutte più che meritate per il modello da 60GB della serie Silicon Power V20. Un "Velox" che riceve tutti gli onori del caso nonchè un ringraziamento speciale a Silicon Power per avermi proposto questa recensione che, per data di pubblicazione, credo sia al momento una delle pochissime (se non l'unica) in tutto il mondo a trattare questa serie di unità SSD!

award

Commenti (2)add comment
0
Paxville [ITA]: ...
Ottimo articolo Paolo, lo rileggo con calma stasera.
E' sempre bello vedere un po' di hardware pr0n (la parte sul PCB) smilies/smiley.gif

Sicuramente un SSD da tenere d'occhio, ma sbaglio o il Crucial C300 costa + o - gli stessi soldi?
1

luglio 07, 2011
62
admin: ...
Ciao Pax,
si mediamente costa leggermente di più. Però lì siamo già abbondantemente su SATA III smilies/smiley.gif

Paolo - Admin
2

luglio 18, 2011

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: