Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Antec Twelve Hundred, il gaming case per eccellenza
Valutazione attuale: / 16
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Martedì 08 Luglio 2008 18:27
Indice
Antec Twelve Hundred, il gaming case per eccellenza
1) Introduzione
2) Caratteristiche tecniche
3) Confezione
4) Il case: le foto
5) Il case dall'interno
6) Le ventole nel dettaglio
7) Installazione
8) Il case in funzione
9) Conclusioni
Tutte le pagine

twelve

Antec ha da poco messo in commercio il nuovo case Twelve Hundred, diretta evoluzione del Nine Hundred. Andiamo a scoprirne insieme le peculiarità in questa approfondita review...


Nella sezione Reviews del sito, avrete notato la recensione dell'Antec Nine Hundred; un case davvero eccezionale, tuttavia, come spesso accade, i "difetti" appaiono col tempo.

Non che si tratti di un vero e proprio difetto, ma di un piccolo grande fastidio: la polvere! Il case, dotato di molte ventole in immissione e in aspirazione, aspira parecchia polvere, che viene in parte inviata nuovamente inviata all'esterno tramite le ventole di espulsione, ma in larga parte permane all'interno del case posandosi sui vari componenti.

E' risaputo che la polvere è un "pessimo conduttore termico"; e il mio Thermalright IFX-14, dopo qualche mese, ha subito un lieve degrado in termini di performance dissipative, causato dal "ristagno" di grandi quantità di polvere tra le sue lamelle.

Sebbene sia possibile facilmente arginare il problema munendosi di filtri anti-polvere ed applicandoli sullle fan in ingresso, è anche vero che un secondo motivo mi ha spinto a cambiare case: il poco spazio disponibile nella parte superiore del Nine Hundred, tra la fine della scheda madre e il tetto del case, mi costringeva, per poter installare le ventole sul dissipatore, a contorti movimenti delle dita. Insomma, una regolare manutenzione era impedita dalla mancanza di "spazio utile". 

Ebbene, ho deciso di acquistare il neonato gaming case di casa Antec, diretta evoluzione del fratellino minore Nine Hundred: l'Antec Twelve Hundred. Questo case, che riprende le linee guida del Nine Hundred, implementa un sistema di dissipazione ancor più efficace ed elimina quasi completamente il problema della polvere. Inoltre, essendo sensibilmente più alto del Nine Hundred, l'installazione dei componenti interni è davvero semplificata.

twelve

Ma andiamo per gradi; procediamo con l'analisi specifica del case, nei suoi particolari. Andremo a scoprire ogni sua dote e caratteristica "step-by-step", con l'ausilio delle foto.

 


Riassumo brevemente le caratteristiche tecniche del case:

CARATTERISTICHE TECNICHE:

  • 12 guide di fissaggio per unità disco
  • Pannello anteriore perforato per un'aspirazione ottimale dell'aria esterna
  • I filtri dell'aria lavabili riducono l'accumulo della polvere all'interno del sistema
  • Sistema di raffreddamento avanzato:
    • 1 ventola di scarico superiore speciale, 200 x 30 mm, led blu, interruttore a 3 velocità (i led possono essere spenti)
    • 2 ventole di scarico posteriori, 120 x 25 mm, led blu, interruttore a 3 velocità
    • 3 ventole di aspirazione dell'aria 120 x 25 speciali, led blu, controllo della velocità anteriore
    • 1 ventola laterale 120 x 25 mm, per il raffreddamento delle schede grafiche (opzionale)
    • 1 ventola centrale 120 mm, per il raffreddamento della CPU o delle schede grafiche (opzionale)
    • Piattaforma di raffreddamento ad acqua per serbatoio o pompa
  • 7 slot di espansione
  • Porte I/O installate nella parte superiore per un agevole accesso
    • Pulsante di accensione e ripristino con led blu
    • 2 porte USB 2.0
    • 1 x eSATA
    • HD ingresso e uscita audio
  • Pratico vassoio superiore opzionale per lettore multimediale personale
  • Scheda madre: fino alla standard ATX
  • Non è incluso alcun alimentatore: Per ottimizzare la prestazione del Twelve Hundred, la scelta dell’alimentatore è essenziale. Antec raccomanda di sceglierne uno appartenente alle proprie serie NeoPower o TruePower.
  • Dimensioni: 58,2 cm (A) x 21,3 (P) x 51,3 (L)

 


Come da tradizione Antec, anche il Twelve Hundred risulta perfettamente imballato nel suo scatolone in cartone; due pezzi di polistirolo laterali, incuneati alle estremità anteriore e posteriore del case, ne assicurano la protezione durante i trasporti:

 

confezione

confezione_2

Sulla confezione sono riassunte alcune delle principali peculiarità del Twelve Hundred:

caratteristiche_su_case

Nella confezione, troviamo inoltre:

  • manuale del case multilingua;
  • qualche fascetta per il fissaggio dei cavi;
  • una grande quantità di viti (tra cui è bene menzionare i molti distanziatori in ottone; ciò permette di poter sovrapporre due distanziatori e distanziare così ancor di più la motherboard dalla paratia di ancoraggio);
  • riduttore per unità floppy con annessa mascherina.
dotazione_confezione

Ma andiamo ad analizzare l'esterno del case:

 

Il frontale del case, sobrio ed elegante, è di grande impatto: ben visibile l'estesa superficie forata per massimizzare l'ingresso d'aria nel case:

frontale

Osservando il case da sopra, è possibile notare lo spazio centrale riservato ad ospitare periferiche esterne connesse al PC (o, perchè no, anche piccolo oggettini); evidente inoltre la fan superiore:

case_top

Molto belle le nervature perimetrali della parte superiore, che svolgono anche una funzione pratica: impedire che gli oggettini posati sul case cadano dai lati.

top_side

Un altro elemento di somiglianza col Nine Hundred: la paratia sinistra è munita con una finestra in plexigas, per esaltare gli effetti di luce creati dalle fan e per mettere in mostra i componenti hardware ospitati nel Twelve:

paratia_sinistra

La paratia destra, invece, nasconde dietro di sè uno spazioso alloggio per i cavi convogliati sul retro del case. Una sorta di "camera d'aria" davvero utile. Il grado di finitura della vernice è ancora migliore rispetto al Nine Hundred; praticamente assenti le "bolle" di vernici:

paratia_destra

La paratia laterale sinistra, inoltre, ospita dietro al plexigas un supporto per installare un'ulteriore ventola; tale supporto è munito di filtro anti-polvere, così come le ventole frontali:

paratia_da_interno

alloggiamento_fan_laterale

filtro_alloggiamento_fan

Qui una foto della parte posteriore del case: ben visibili le due fan posteriore e, in basso a destra, i due fori per la predisposizione nativa di un impianto a liquido; in basso trova posto l'alimentatore:

posteriore

Da notare come gran parte della superficie della lamiera posteriore sia forellata, per massimizzare lo scambio termico.

Dettaglio zona alimentatore:

alimentatore


Diamo ora un'occhiata all'interno del Twelve Hundred; davvero tanto lo spazio a nostra disposizione:

interno

Da notare i 5 fori allungati e smussati praticati sulla lamiera di fissaggio della motherboard; questi fori consentono di passare agilmente i cavi in eccesso sul retro del case, nella famosa "camera d'aria" di cui ho accennato prima (profonda circa 2 centimetri), in modo da far ri-spuntare i cavi nella misura da noi voluta, per evitare i grovigli ed ostacolare il meno possibile il flusso d'aria all'interno del Twelve Hundred.

Da notare, inoltre, dei piccoli appigli realizzati sulla lamiera di fissaggio della motherboard che, sporgendo lievemente dalla parte posteriore, permettono di ancorare alla lamiera i vari cavi riposti nella "camera d'aria".

Il case permette l'installazione di un impianto a liquido, grazie ai due fori presenti sul retro e alla predisposizione per l'installazione di una vaschetta per il liquido, realizzabile mediante l'installazione, da parte di Antec, di un lamierino all'altezza del terzo slot per unità CD/DVD. Lo slot non interferisce comunque con l'installazione di tali unità.

I cavi del case da collegare alla scheda madre sono:

  • connettore HD Audio;
  • connettore porta E-SATA;
  • connettori POWER-ON, RESET e HDD_LED
  • connettore per le due porte USB.

connettori1

connettori2

Rispetto al Nine Hundred, tutti i cavi risultano più lunghi: abbiamo a disposizione circa 1 metro di cavo per ogni connettore! Ciò per non impedire una sistemazione quanto più "comoda" dei cavi nel case, facendoli magari passare posteriormente e farli sbucare in prossimità della motherboard là dove sono presenti i rispettivi connettori.

connettori_lunghi

E a proposito di connettori, la mascherina di comando frontale del case si presenta nel seguente modo:

frontale_high

Partendo da sinistra, troviamo:

  • interruttore di reset;
  • due porte USB;
  • una porta E-SATA;
  • il led di attività hard disk;
  • i connettori per l'inserimento di cuffie & microfono (quindi input e output audio);
  • il pulsante di accensione.

Ecco come appare, posteriormente, la lamiera di fissaggio della motherboard:

lamiera_mobo_dietro

Oltre ai fori e agli appigli di cui ho parlato prima, Antec ha già installato tre fascette in plastica per poter legare saldamente i vari cavi. Se nella prima edizione del Nine Hundred questo non era affatto possibile, con la seconda revision dello stesso case, grazie ai due soli fori laterali praticati da Antec, era già possibile sfruttare la "camera d'aria" (anche se risultava comunque abbastanza stretta, e un connettore motherboard 24pin ci passava difficilmente). Con il Twelve, questa tecnica è stata ancor più raffinata: spazio a disposizione aumentato a circa 2cm (o poco più), più fori (da 2 a 5) e, tra i fori allungati, due risultano particolarmente utili: il primo in basso permette di portare sul retro immediatamente tutti i cavi provenienti dall'alimentatore, mentre il foro in alto a destra permette di collegare comodamente il connettore 4 (o 8) pin di alimentazione CPU senza che tale cavo attraversi la motherboard; il tutto avviene facendo sbucare il cavo della dimensione voluta, a vantaggio di un ordine visivo sensibilmente migliore e di un intralcio davvero insignificante all'areazione, dovuto all'assenza del formarsi di grovigli di cavi nel case che creerebbero ristagni d'aria calda.

 


Punto di forza di questo strabiliante Gaming case sono le ventole; il Twelve ne è dotato di fabbrica di ben 6 in totale, tutte munite di connettore molex 4 pin, di cui:

 

  • 3 fan da 120mm sul frontale (in immissione)
  • 2 fan da 120mm posteriormente in (estrazione)
  • 1 fan superiore da 200mm (in estrazione)
  • 1 fan OPZIONALE interna sul davanti
  • 1 fan OPZIONALE sulla paratia laterale

Caratteristica comune di tutte le fan è la possibilità di regolazione degli RPM in maniera semplice ed immediata. Le tre fan anteriori sono provviste di un loro potenziometro a manopola situato in basso a destra rispetto ad ogni ventola:

potenziometro

Per la regolazione delle fan di espulsione (le 2 posteriori e quella superiore) è prevista una piccola "pulsantiera" sul retro del case, che permette di settare la velocità di ognuna delle fan su tre diversi profili (L=low; M=medium; H=high) e, tra l'altro, permette di spegnere i led sulla BigBoy (così Antec chiama la fan da 200mm superiore):

regolazione_fan_posteriori

Ecco immortalate le due fan posteriori e quella superiore:

fan_post_e_sup

Qui dall'interno:

fan_post_e_sup_interno

Ecco, dall'interno, le tre fan anteriori:

ventole_anteriori

In prossimità della ventola anteriore centrale, è fissato un alloggiamento in plastica che permette di installare un'ulteriore ventola, per indirizzare ulteriore flusso d'aria nella zona della scheda video. Il flusso creato "di default", tuttavia, appare più che sufficiente.

alloggiamento_fan_opzionale

Le tre ventole anteriori sono racchiuse in un alloggiamento in plastica simile a quello mostrato nella foto precedente, a sua volta ancorato ad una scatola in lamiera che permette il fissaggio degli hard disk. E' dunque possibile installare fino ad un massimo di 9 hard disk in questo case (anzi, sfruttando l'alloggiamento per unità floppy, può essere installato anche un ulteriore HDD).

Ogni box con ventola si estrae rimuovendo i bulloncini laterali:

fan_estraibili

Così come l'alloggiamento per la fan opzionale sulla paratia laterale, anche le tre ventole frontali sono munite di una retina anti-polvere facilmente estraibile:

retina_fan

Ecco la fan estratta dal box metallico per hard disk:

fan_anteriore

Per chi come me utilizzerà solo un box per hard disk, è possibile rimuovere le altre due gabbie e fissare comunque stabilmente le 2 fan al case, sempre poste all'interno del loro alloggiamento munito di zanzariera anti-polvere:

fan_senza_box

Come potete osservare dalla foto, sono state rimosse le due gabbie per hard disk superiori, mantenendo solo quella inferiore (dell'ultima ventola). In questo modo si ottimizza ancor di più il flusso d'aria, che incontra meno barriere e giunge meglio all'interno del case.

Realizzando questa piccola modifica, inoltre, utilizzeremo solo 4 bulloncini per fissare ogni singola ventola (due per lato) anzichè gli 8 di default (4 per lato):

bulloncini_fissaggio_box

Di seguito, le caratteristiche tecniche delle ventole da 120mm:

Speed

 Input Current

Air Flow

Static Pressure

Acoustical Noise

Input Power

 High

2000 rpm

 0.24A (Max)

 2.24 m3/min

(79 CFM)

 2.54mm-H2O

(0.10inch-H2O)

 30 dBA
2.9 W

 Medium

1600 RPM

 0.2A

 1.59 m3/min

(56 CFM)

 1.53mm-H2O

(0.06inch-H2O)

28 dBA
 2.4 W

 Low

1200 RPM

 0.13 A
1.1 m3/min

(39 CFM)

 0.92mm-H2O

(0.04inch-H2O)

 25 dBA
 1.6 W

Queste invece le caratteristiche della fan superiore da 200mm (la BigBoy):

Speed

Input Current

Air Flow

Static Pressure

Acoustical Noise

Input Power

High

1000 rpm

0.4A (Max)

4.75 m3/min

(167.6 CFM)

1.08mm-H2O

(0.04inch-H2O)

34.24 dBA
4.8 W

Medium

700 RPM

0.21A

3.59 m3/min

(126.57 CFM)

0.54mm-H2O

(0.02inch-H2O)

27.6 dBA
2.52 W

Low

400 RPM

0.11 A
2.34 m3/min

(82.61 CFM)

0.2mm-H2O

(0.01inch-H2O)

23.6 dBA

1.32 W

 


L'installazione di tutti i componenti avviene in poco tempo, grazie ai numerosi fori sulla lamiera che permettono di portare sul retro i cavi che, altrimenti, ostacolerebbero il posizionamento dei componenti hardware nel case e la loro installazione.

 

La "camera d'aria" fa miracoli: ecco tutti i cavi convogliati sulla parte posteriore; immaginiamo che caos si verrebbe a creare se tali cavi fossero ospitati dall'altro lato, all'interno del case:

cavi_retro

Ecco invece l'interno del case; da notare l'assenza quasi totale dei cavi, che garantisce un ordine visivo a dir poco eccelso:

case_assembled

Qui nel dettaglio la zona superiore:

assembled2

A lavoro ultimato, chiudendo la paratia laterale sinistra, la finestra in plexigas mostra un ampio scorcio dell'interno del case:

plexy_cool


Bene, dopo tanto lavoro è il momento di accendere il case e ammirare i suoi spettacolari effetti di luce; le pale delle ventole, in rotazione, creano coni di intensa (ma riposante) luce blu davvero gradevoli:

wonderful_light_effects

Anche la ventola superiore da 20cm si illumina; agendo sui comandi posteriori di regolazione delle fan, è possibile anche disattivare l'illuminazione di questa ventola.

bigboy_light

Il plexigas rende visibili gli effetti di luce:

plexy e luce

Ecco infine le fan anteriori illuminate:

anteriori

 


Concludendo, il Twelve Hundred si rivela un eccellente prodotto, con un prezzo contenuto rispetto a ciò che è in grado di offrire agli utenti esosi di dissipazione ed estetica.

 

Il rumore generato dalle fan non si può certo definire infimo; consiglio di regolare le ventole su un profilo di rotazione medio/basso. Già a velocità medio/alte, infatti, il rumore raggiunge la "soglia della sopportazione" (almeno di quella delle mie orecchie...).

Antec ha fatto davvero un buon lavoro; lavorando sul già avviato e valido progetto Nine Hundred, lo ha perfezionato notevolmente dando vita al Twelve.

Unico difetto, oltre al rumore (che come già detto non è certo pochissimo, ma neppure esagerato) la chiusura delle paratie laterali: le paratie, infatti, se non fissate con i due bulloncini di ancoraggio posteriori, non si mantengono nella loro sede. Può questa essere considerata un meccanismo di precauzione adottato da Antec, per far sì che si chiuda obbligatoriamente il case: in questo modo non ci si scorda di lasciarlo aperto, e così si eliminano rischi durante il trasporto (afferrando il case con le paratie aperte ci sono buone probabilità di farlo cadere...)

concl

Commenti (6)add comment
0
Lino: ...
Bravo, gran bel lavoro
1

luglio 12, 2008
62
admin: ...
Ti ringrazio! smilies/smiley.gif
2

luglio 12, 2008
0
Beppe: ...
Ciao sono sempre Beppe ma le ventole Nanoxia FX-2000 le hai prese nelle confezione Bulk o nella confezione con le 4 vitine in gomma e regolatore???
ciao e grazie Admin
3

marzo 05, 2009
62
admin: ...
Ciao,
ho acquistato le nanoxia prima che l'azienda fallisse e fosse "riesumata"; a suo tempo era disponibile solo la versione con i gommini ed il potenziometro. Se non usi il potenziometro e ti affidi alla regolazione PWM della motherboard, puoi benissimo optare per la versione "ridotta".

Ciauz! : )
4

marzo 07, 2009
0
The Doctor: ...
Grazie per l'ottima recensione. Mi sono quasi del tutto convinto ad acquistare questo case; a parte la rumorosità delle ventole credo sia veramente un ottimo prodotto. A proposito ma il controller velocità/luce impedisce la sostituzione con ventole più silenziose? Grazie smilies/wink.gif
5

febbraio 11, 2010
62
admin: ...
Ciao,
ti ringrazio per l'apprezzamento smilies/smiley.gif
In fondo la rumorosità delle ventole, se settate nell'insieme a regimi intermedi, non è elevatissima.
Non avrai inoltre problemi nella sostituzione delle ventole, ovviamente non potrai contare sul potenziometro per regolarle.

Paolo - Admin
6

febbraio 12, 2010

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy
 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.