chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!




Visits counters

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi2360
mod_vvisit_counterIeri3346
mod_vvisit_counterQuesta settimana5706
mod_vvisit_counterScorsa settimana23171
mod_vvisit_counterQuesto mese5706
mod_vvisit_counterScorso mese85324
mod_vvisit_counterGlobali5674455

Siti Amici

Esclusivo: InformaticaEasy.net intervista Mr. David Flynn, CEO di Fusion-io

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

David_Flynn_CEO_FusionIO_interview_InformaticaEasy

Un'esclusiva intervista (tradotta anche in italiano) che InformaticaEasy.net ha potuto rivolgere a Mr. David Flynn, CEO della Fusion-io, famosa azienda statunitense che progetta e produce dispositivi SSD basati su memorie NAND Flash. (Interview available in English for non-Italian users).

Se non vuoi/puoi leggere l'articolo-intervista in inglese, scorri l'articolo verso il basso per accedere alla traduzione italiana!

 

Well, let's start with a brief Wikipedia definition to be formal - Fusion-io is a computer hardware and software systems company based in Cottonwood Heights, Utah, that designs and manufactures what it calls a "new memory tier" based on NAND Flash memory technology.

Fusion-io is currently one of the most influencing worldwide Companies in solid state memories and NAND technology. InformaticaEasy.net has obtained an exclusive interview with Mr. David Flynn, Company CEO, that has been so kind to share with us his own view about that.

I have decided to put English language at the beginning of this article. First of all because the interview is originally in English and secondly because of the importance of this article in a scenario that involves not only Italian users but also non-Italian ones.

I think it's nice to start with a meaningful picture: here you can see Mr. Flynn during the IPO of the Company. New York Stock Exchange knows Fusion-io very well. Take a focused look at the photo... yes, you're right. Apple co-founder Mr. Steve Wozniak is here. For those who don't know, he plays a very relevant role in Fusion-io Company. Do you need further details? Well, just overtake the picture and start reading the interview!

FusionIO_IPO_stock_exchange

    Paolo Vinella: "Good morning Mr. Flynn, could you please briefly introduce yourself to my readers?"

    Mr. Flynn: "Good morning. I’m David Flynn, co-founder and CEO of Fusion-io. I served as Chief Technology Officer in the early days of Fusion-io before becoming CEO."

    Paolo Vinella: "Fusion-IO plays a rising role of one of the most influent and largest solid state storage industry in worldwide scale. How would you define in your own words the company that you founded in 2006 with Mr. White?"

    Mr. Flynn: "Thank you, I’m glad to hear that Fusion-io is also well known in Italy. Rick White and I cofounded Fusion-io when we saw that a new memory platform would help solve the data supply problem. As CPUs get faster, the gap between traditional storage and processor performance widens, creating a lot of inefficiency in the data center. When you factor in the amount of data we use in our lives today, it’s clear that we needed a new solution to help our information economy keep up with modern data demands.
    Our Fusion ioMemory tier combines software and hardware to integrate flash in the server as a new memory via PCI Express, not just as a faster disk drive. This is what makes Fusion-io so different from SSD companies. With our software focus, we can integrate extensions like Auto Commit Memory, which was previewed in January 2012 with our one billion IOPS demonstration, as well as our Atomic Writes feature previewed last fall. We deliver the power of a SAN in the palm of your hand, and today, many customers around the world are accelerating their business with Fusion-io."
    Paolo Vinella: "I guess you were expecting a question on Mr. Wozniak. Well, for the readers who do not know, let us remember them that he plays a very important role in Fusion-io as Chief Scientist. How exciting is working with one of Steve Jobs’ best friends and Apple co-founder and genius?"

    Mr. Flynn: "Steve Wozniak is an incredible visionary and we’re honored that he’s our Chief Scientist. Woz shares our belief that software is often the most efficient way to work out how to simplify complex hardware challenges. We’re very fortunate to be able to tap into his knowledge and experience. He’s also very energetic and creative, so it’s really inspiring for us to be able to work with him."
    Paolo Vinella: "About two years ago The Wall Street Journal expressed wide trust in Fusion-io naming it as the number one among promising ICT Companies. I guess we can start removing at all the adjective “promising” from that statement..."

    Mr. Flynn: "Thank you. We’re very proud of how far we’ve come, but we have a lot of hard work ahead of us in continuing to lead the industry and help customers deal with the data that runs their businesses today."
    Paolo Vinella: "How important is in your opinion the role of solid state technology? Do you see and expect further improvements in the next future?"

    Mr. Flynn: "Without software that cuts through all the SSD controllers and processors, solid state is just a faster disk. And as NAND flash gets denser, it becomes even less reliable, which causes some companies to only be able to deliver SLC products. Fusion-io’s software architecture enables us to integrate our ioDrive products as a new memory tier with the enterprise grade reliability needed by companies whose customers expect 24/7 service, whether on a social network or for nearly instantaneous financial transactions. I can’t speak for other companies, but rest assured that Fusion-io will keep on innovating our products to help our customers run more, faster."
    Paolo Vinella: "Solid state and hard drive memories. What is the boundary between these technology? Do you think they can both survive in near future or SSDs would become the next de-facto standard?"

    Mr. Flynn: "It’s important to remember that storage can be used for two purposes: Data retention and data performance. Retaining data through time is something that can be done inexpensively with hard drive disks or even tape. When we look at maintaining data through time, we see that tape was displaced by disk, but it’s still around for archiving data. I think the same will happen with hard disks – they’ll eventually just become archival and displace tape.
    Performance storage accelerates companies’ most critical data. These high performance storage products cost more than hard drive disks, but products like the Fusion ioDrive deliver powerful performance in the server for a fraction of the cost of using a scaled-out SAN for performance."
    Paolo Vinella: "Fusion-io is strong partner of HP, IBM, Dell and others. Why should users and companies consider a Fusion-io based system over competitors’ solutions?"

    Mr. Flynn: "As I’ve mentioned, our cut-through architecture enables us to deliver ultra low latency performance and utmost reliability. With our server systems vendor relationships, Dell, IBM and HP, our customers know that these companies have tested our products to ensure they deliver what we claim they can. We also offer support that often goes above and beyond just making sure our products are functioning correctly. In fact, when you remove the I/O bottlenecks that inhibit systems, customers often discover new pain points related to other spots in their system, and our support team often helps customers fix those too."
    Paolo Vinella: "ioDrive family: a winning approach to solid state world, but also a state of the art microarchitecture based on interactions on multiple controllers. The first advantage over competitors’ solutions?"

    Mr. Flynn: "The biggest difference is that our products provide a new memory tier, not just a faster disk drive. We go beyond the speeds and feeds to accelerate applications in the server. Trying to move data back and forth from server to SAN is like trying to suck an elephant through a straw. As the first company to recognize the potential of server-based acceleration, we have a number of patents on our technology, which means Fusion-io alone can provide true memory tier acceleration."
    Paolo Vinella: "Is Fusion-IO thinking about a deeper and more “standalone-user oriented” device offer? At the moment enthusiast users and high-end applications are the field on which the Company is focusing."

    Mr. Flynn: "We are primarily focused on the enterprise, but we do offer a workstation product based on our ioMemory technology for digital content creation professionals. We have a team that focuses on how to help these customers spend more time creating and less time waiting."
    Paolo Vinella: "Fusion-io has recently previewed a new technology, Auto Commit Memory (ACM): it is a new logic way to think about the division between interactions of CPU, RAM and mass memory and, according to Fusion-IO, will <<which will further change what “memory” and “storage” mean in enterprise architectures>>. The result is an impressive billion 64byte IOPS. Correct me if I am wrong: Fusion-IO is trying to go beyond the so-well-known CPU-RAM-HDD bus-interactions used so far and from 20 years ago. What are the scenarios to which this technology can apply and how strong its impacts on computer systems can be?"

    Mr. Flynn: "You’re quite correct – at Fusion-io, we see great potiential in bypassing traditional storage protocols through software extensions like ACM. We’ve leveraged this type of architecture in our Virtual Storage Layer software subsystem that enables our ioMemory products to deliver ultra low latency. The Auto Commit Memory extension goes a step further and will provide developers with new semantics to directly control the datapath to persistent memory, introducing a fundamentally new building block for how modern data systems are designed. We see significant potiential in this technology previewed in January 2012 – stay tuned for more as we continue to develop these types of software extensions for our ioMemory architecture."
    Paolo Vinella: "Thanks for being with us! ;-)"

    Mr. Flynn: "Thank you very much. It’s always a pleasure to be able to share our story."

An huge thank to Mr. Flynn and Ms. McPee for the kind disposability.

 

 

-------------------------- TRADUZIONE IN LINGUA ITALIANA --------------------------

Bene, iniziamo con una breve definizione da Wikipedia per essere formali - Fusion-IO è un'Azienda che tratta hardware per computer e software di sistemi sita in Cottonwood Heights, Utah, che progetta e produce ciò che essa definisce "un nuovo livello di memoria" basato sulla tecnologia delle memorie NAND Flash.

Fusion-io è attualmente una delle più influenti Aziende mondiali nella tecnologia NAND delle memorie a stato solido. InformaticaEasy.net ha ottenuto un'intervista esclusiva con Mr. David Flynn, CEO dell'Azienda, che è stato molto gentile nel voler condividere con noi la sua personale visione riguardo questo contesto.

Ho deciso di utilizzare l'inglese nella prima parte di questo articolo. Primo perchè l'intervista originale è in lingua inglese e secondo data l'importanza di questo articolo in uno scenario che include non soltanto gli utenti italiani ma anche coloro al di fuori dello Stivale.

Credo sia interessante iniziale con una foto piena di significato: potete osservare Mr. Flynn durante la IPO dell'Azienda. Si, perchè ormai la borsa di New York conosce Fusion-io molto bene. Date un'occhiata attenta alla foto... si, avete proprio ragione. Il co-fondatore di Apple, Steve Wozniak, è a fianco di Mr. Flynn. Per chi non lo sapesse, Wozniak occupa un ruolo molto rilevante nell'Azienda. Interessati ad altri dettagli? Beh, procedete oltre la foto ed iniziate a leggere l'intervista!

[...]

  • Paolo Vinella: "Buongiorno, Mr. Flynn. Può gentilmente presentarsi ai miei lettori?"

    Mr. Flynn: "Buongiorno. Sono David Flynn, co-fondatore e CEO di Fusion-IO. Ho svolto il ruolo di Chief Technology Officer sin dagli albori di Fusion-io prima di diventarne CEO".

  • Paolo Vinella: "Fusion-io gioca il ruolo dalla crescente importnza di una delle più influenti e grandi industrie dell'archiviazione a stato solido su scala mondiale. Come definirebbe, con sue parole, l'Azienda che ha fondato nel 2006 con Mr. White?"

    Mr. Flynn: "Grazie, sono lieto di sentire che Fusion-io è ben conosciuta anche in Italia. Rick ed io co-fondammo la Fusion-io quando ci accorgemmo che una nuova piattaforma di memoria avrebbe potuto risolvere i problemi di fornitura dei dati. Mentre le CPU diventano sempre più veloci, il divario tra le forme di archiviazione tradizionali e le performance dei processori aumenta, creando molta inefficienza nei data center. Se si considera il quantitativo di dati che utilizziamo al giorno d'oggi, è chiaro che necessitavamo una nuova soluzione per aiutare la nostra economia dell'informazione a tenere il passo con le richieste dei dati moderni.
    Il nostro Fusion ioMemory tier combina software ed hardware per integrare le flash nel server come nuova memoria tramite PCI Express, non soltanto come disco più veloce. E' questo ciò che rende Fusion-io così diversa dalle altre Aziende SSD. Concentrandoci sul nostro software, possiamo integrare estensioni come la Auto Commit Memory, che è stata mostrata in anteprima a Gennaio 2012 con la dimostrazione del raggiungimento di un miliardo di IOPS, così come la caratteristica Atomic Writes già mostrata lo scorso autunno. Forniamo la potenza di una SAN nel palmo delle vostre mani, ed oggi molti clienti nel mondo stanno accelerando il proprio business grazie a Fusion-io".

  • Paolo Vinella: "Suppongo si aspettasse di ricevere una domanda su Mr. Wozniak. Per chi legge e non ne è a conoscenza, ricordiamo che Wozniak riveste un ruolo molto importante in Fusion-io come Chief Scientist. Quanto reputa entusiasmante lavorare con uno dei migliori amici di Steve Jobs nonchè co-fondatore di Apple e genio?"

    Mr. Flynn: "Steve Wozniak è un incredibile visionario e siamo onorati che lui sia il nostro Chief Scientist. Woz condivide la nostra opinione che il software è spesso il metodo più efficiente per capire come semplificare le sfide dell'hardware complesso. Siamo molto fortunati ad essere in grado di usufruire della sua conoscenza ed esperienza. E' anche molto energico e creativo, quindi è davvero una fonte di ispirazione per noi essere in grado di lavorare con lui".

  • Paolo Vinella: "Circa due anni fa il Wall Street Journal espresse ampia fiducia in Fusion-io, nominandola come la numero uno tra le Aziende dell'ICT promettenti. Immagino che possiamo iniziare a rimuovere completamente l'aggettivo "promettente" da tale affermazione..."

    Mr. Flynn: "Grazie. Siamo molto lieti di quanto lontano siamo arrivati, ma abbiamo ancora molto duro lavoro davanti a noi nel continuare a dominare l'industria ed aiutare i clienti ad avere a che fare con i dati che gestiscono il loro business oggigiorno".

  • Paolo Vinella: "Quanto importante è, a suo avviso, il ruolo della tecnologia a stato solido? Vede e stima ulteriori migliorie nel prossimo futuro?"

    Mr. Flynn: "Senza software che attraversa tutti i controller e i processori SSD, il solid state è soltanto un disco più veloce. E quando le NAND flash diventano più dense, diventano persino meno affidabili, e ciò significa per alcune Aziende fornire soltanto prodotti SLC. L'architettura software di Fusion-io ci permette di integrare i nostri prodotti ioDrive come un nuovo piano di memoria con affidabilità di livello enterprise richiesta dalle aziende i cui clienti si aspettano un servizio 24/7, non importa se un social network o un sistema di transizioni finanziarie che devono essere istantanee. Non posso pronunciarmi per le altre aziende, ma è appurato che Fusion-io continuerà ad innovare i suoi prodotti per aiutare i nostri clienti a correre di più e più rapidamente"

  • Paolo Vinella: "Memorie solid state e hard disk. Qual è il confine tra queste tecnologie? Crede che possano sopravvivere entrambe nel prossimo futuro oppure gli SSD diventeranno il prossimo standard de-facto?"

    Mr. Flynn: "E' importante ricordare che l'archiviazione può essere utilizzata per due scopi: conservazione dei dati e data performance. Conservare i dati nel tempo è qualcosa che può essere fatto senza costi elevati con hard disk o persino nastri. Quando pensiamo alla conservazione dei dati nel tempo, notiamo che i nastri sono stati rimpiazzati dagli hard disk, ma sono ancora presenti per archiviare i dati. Credo che lo stesso avverrà con gli hard disk - eventualmente diventeranno solo supporti per la memorizzazione e sostituire i nastri. L'archiviazione performante accelera i dati più critici delle aziende. Questi prodotti di archiviazione ad elevate prestazioni costano più degli hard disk, ma prodotti come il Fusion ioDrive forniscono elevate prestazioni nel server per una frazione del costo utilizzando una SAN scalata per le performance".

  • Paolo Vinella: "Fusion-io è un forte partner di HP, IBM, Dell ed altri. Perchè gli utenti e le aziende dovrebbero considerare un sistema basato su tecnologia Fusion-io rispetto alle soluzioni della concorrenza?"

    Mr. Flynn: "Come ho menzionato prima, la nostra architettura a sviluppo verticale ci permette di fornire prestazioni insieme a bassissime latenze e la massima affidabilità. Con le relazioni che abbiamo con i fornitori di sistemi server, Dell, IBM ed HP, i nostri clienti sanno che queste aziende hanno testato i nostri prodotti per assicurare che forniscano ciò che noi affermiamo esse possano fare. Offriamo inoltre supporto che spesso va al di sopra ed oltre il semplice assicurare che i nostri prodotti funzionino correttamente. In fatti, quanto si rimuove il collo di bottiglia di I/O che inibisce i sistemi, i clienti spesso scoprono che nuovi punti dolenti relativi ad altri punti nei loro sistemi, ed il nostro team di supporto spesso aiuta i clienti anche a riparare questi ultimi"

  • Paolo Vinella: "La famiglia ioDrive: un approccio vincente al mondo dello stato solido, ma anche una architettura allo stato dell'arte basata su interazioni con controller multipli. Il primo vantaggio rispetto alle soluzioni dei competitors?"

    Mr. Flynn: "La più grande differenza è che i nostri prodotti forniscono un nuovo piano di memorie, non semplicemente un disco più veloce. Andiamo oltre le velocità per sfamare le applicazioni lato server. Provare a muovere dati avanti e indietro da server a SAN è come provare a succhiare un elefante con una cannuccia. Come prima azienda nel riconoscere il potenziale dell'accelerazione lato server, abbiamo diversi brevetti sulla nostra tecnologia, che significa che Fusion-io può fornire reale accelerazione in maniera indipendente"

  • Paolo Vinella: "Fusion-io sta pensando ad una più profonda offerta di dispositivi orientati agli utilizzatori singoli? Al momento l'utenza enthusiast e le applicazioni high-end rappresentano ciò su cui l'Azienda si sta focalizzando"

    Mr. Flynn: "Siamo primariamente focalizzati sull'enterprise, ma offriamo un prodotto per workstation nella nostra tecnologia ioMemory per i professionisti della creazione di contenuti digitali. Abbiamo un team che si focalizza su come aiutare questi clienti a spendere più tempo a creare e meno ad attendere"

  • Paolo Vinella: "Fusion-io ha recentemente mostrato una nuova tecnologia, la Auto Commit Memory (ACM): è un nuovo modo logico di pensare alla divisione tra le interazioni della CPU, della RAM e della memoria di massa e, secondo Fusion-io <<cambia ulteriormente il significato di "memoria" ed "archiviazione" nelle architetture enterprise>>. Il risultato è un impressionante numero di un miliardo di IOPS a 64byte. Mi corregga se sbaglio: Fusion-io sta provando ad andare oltre il principio arcinoto delle interazioni via bus di CPU, RAM ed hard disk usate finora e da 20 anni a questa parte. Quali sono gli scenari a cui tale tecnologia può essere applicata e quanto forte può essere il suo impatto sui sistemi di computer?"

    Mr. Flynn: "E' abbastanza corretto - a Fusion-io, vediamo grande potenziale nel bypassare i tradizionali protocolli di archiviazione attraverso estensioni software come la ACM. Abbiamo fatto leva su questo tipo di architettura nel nostro sottosistema software Virtual Storage Layer che permette ai nostri prodotti ioMemory di fornire latenze super basse. L'estenzione Auto Commit Memory va un passo avanti e fornirà agli sviluppatori una nuova semantica per controllare direttamente il datapath alla memoria persistente, introducendo fondamentalmente un nuovo building block per come sono progettati i sistemi di dati moderni. Vediamo un potenziale significativo in questa tecnologia mostrata a Gennaio 2012 - restate sincronizzati per avere maggiori informazioni mentre continuiamo a sviluppare questi tipi di estensioni software per la nostra architettura ioMemory"

  • Paolo Vinella: "Grazie per essere stato con noi!"

    Mr. Flynn: "Grazie molte. E' sempre un piacere poter condividere la nostra storia"

Un enorme grazie a Mr. Flynn and Ms. McPee per la gentile disponibilità.

Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: