chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !
REVIEW
Registrati
Reviews
Forum

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Nehalem: note le 3 CPU debuttanti a fine anno

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

nehalem i7

E' oramai noto che Intel lancerà le prossime soluzioni multicore CoreI7 alla fine di quest'anno. Sul sito Expreview sono comparsi dettagli tecnici relative alle nuove CPU che, sebbene conserveranno il processo produttivo a 45nm, subiranno uno stravolgimento (positivo) architetturale.

Il modello di punta sarà il Core I7-965 Xtreme Edition, vanterà 3.2GHz di frequenza, con 8MB di cache L3, QPI a velocità di trasmissione di 6.4GT/s, codice prodotto BX80601965.

Il Core I7-940 funzionerà invece a 2.93GHz di frequenza, sarà anch'esso munito di 8MB di cache L3, mentre QPI funzionerà ad una velocità inferiore rispetto al modello di punta, pari cioè a 4.8GT/s. Il serial number identificativo sarà BX80601940.

Core I7-920, invece, sarà la terza CPU a fare il debutto, insieme ai suoi fratelli maggiori, alla fine di quest'anno: la frequenza sarà pari a 2.66GHz, QPI e cache L3 identiche al modello I7-940; codice prodotto: BX80601920.

I prezzi dovrebbero essere i seguenti:

  • Core I7-965 XE: 999 dollari USA;
  • Core I7-940: 562 dollari USA;
  • Core I7-920: 284 dollari USA.

core i7

 

Dalle sigle identificative delle CPU si può facilmente evincere che solo il modello di punta sarà un Extreme Edition, permetterà cioè di incrementare il valore del moltiplicatore. Il 940 e il 920, invece, saranno overcloccabili solo dal punto di vista del BUS... pardon... QPI.

Si spera che l'integrazione di un memory controller e l'introduzione del nuovo BUS, che comunque apporteranno modifiche sostanziali alle tecniche di overclock, non limitino il potenziale di overclock di Nehalem.

Il QuickPathInterconnect rappresenta un meccanismo di comunicazione e interfacciamento con le DDR3 totalmente nuovo; un approccio innovativo che dovrà essere interpretato chiaramente dagli overclocker per poterlo incrementare senza problemi di stabilità.

Inoltre, l'integrazione di un memory controller potrebbe provocare in overclock un ulteriore aumento del TDP della CPU, già non bassissimo @ default (voci di corridoio affermano che I7 toccherà i 130W di TDP, quindi nessuna miglioria in termini di watt dispersi rispetto alle attuali soluzioni, anzi...).

I 284$ a cui sarà proposto il modello da 2.66GHz rendono questa CPU particolarmente appetibile. Ipotizzando un costo iniziale di 300€ in Italia (aggiungendo quindi al "prezzo base" tasse e quant'altro), sarà possibile realizzare un sistema con prestazioni più che ottimali con circa 1000€: bisognerà considerare un kit di ram DDR3 da 3x1GB (a meno di 200€ si trovano kit funzionanti a 1,6GHz) e una scheda madre con il nuovo socket LGA-1366 (le prime soluzioni saranno vendute ad un prezzo certamente non inferiore ai 200€). Con i restanti 300€ si acquista una VGA di fascia medio-alta, hard disk e altre periferiche. Ed ecco nascere un PC Nehalem-inside...

nehalem i7

All'inizio del prossimo anno dovrebbero debuttare altre soluzioni Nehalem, tra cui un 4-core Q8300, il dual-core E7500, E5300, E1500.

Fondamentalmente, Q8300 e Q8200 sono Quad Core a 45 nm Yorkfield, con cache L2 pari a 4MB e frequenza pari a 2.5GHz.

E7500 e E5300 sono Wolfdale dual-core, sempre a 45 nanometri. L'E7500 avrà una frequenza di 2.93GHz, 3MB di cache L2. Il core E5300 invece vanterà 2.6GHz, e una più esigua cache L2 pari a 2MB (E5300 non supporta inoltre la tecnologia Intel Viiv).

Sopravviverà comunque il processo produttivo a 65nm: sarà l'E1500 l'erede della serie, un Conroe proposto a 2.2GHz e cache L2 pari a 512KB.

Sul fronte dei prezzi, il Q8300 avrà un prezzo di 224 dollari USA, l'E7500 sarà venduto a 133 dollari, l'E5300 per 86 dollari USA e infine l'E1500 a 53 dollari USA. Tali modelli rappresenteranno il futuro approccio da parte di Intel verso la fascia medio-bassa del mercato consumer.


E' doveroso specificare che tali prezzi si intendono per lotti di 1000 pezzi, anche se, nel concreto, il prezzo all'utente finale non si discosta molto. 

 

FONTE: Expreview

Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: